sabato 30 novembre 2013

Libro: "I ragazzi di Anansi" di Neil Gaiman


Titolo: I ragazzi di Anansi 
Titolo OriginaleAnansi Boys
Autore: Neil Gaiman
Traduttore: Katia Bagnoli
Casa editrice: Mondadori (collana Strade Blu)
Pubblicazione: 2006
Pagine: 356


mercoledì 27 novembre 2013

Film: "Il cacciatore di giganti" di Bryan Singer




Dopo un po' che non guardavo film, ieri avevo voglia di un film leggero e ho optato per Il cacciatore di giganti, rivisitazione dal racconto "Jack e la pianta di fagioli". Non mi aspettavo niente di particolare ma nemmeno una favola a tutti gli effetti e a proposito di effetti speciali, bruttini, soprattutto all'inizio, le persone digitali non hanno la pelle ma cortecce. Il film è gradevole nel complesso ma la storia avanza in maniera piatta e si riesce sempre a comprende quello che accadrà, prima che venga mostrato. Sorvolando sul gigante dalla capigliatura rasta, il momento più avvincente sarebbe dovuto essere l'attacco dei giganti al castello ma si è rivelato il momento peggiore del film: minuti di tiro alla fune tra giganti e umani. Ripeto che nel complesso è piacevole, ma a patto che si voglia guardare un film che tenga impiegati zero neuroni per tutta la sua durata.
Voto 5--


Michele

domenica 24 novembre 2013

Libro: "Né di Eva né di Adamo" di Amélie Nothomb


Titolo: Né di Eva né di Adamo
Autore: Amélie Nothomb
Traduttore: Monica Capuani
Casa editrice: Voland
Pubblicazione: 2008
Pagine: 160

venerdì 22 novembre 2013

Libri "firmati"


Vedo la gente morta, io invece, una decina di anni fa, vedevo libri del Il codice da Vinci ovunque e sentivo spesso persone che lo commentavano (al bar, sul treno, al mare, durante una passeggiata nel centro storico) :/
In quella estate venne mio zio (e sua moglie) a trovarmi e tutte e 2 leggevano il libro di Dan Brown e alla sera ogni tanto si scambiavano commenti....la resistenza cedette e decisi di comprarlo.
Piaciuto molto, certo i temi trattati han contribuito a renderlo famoso, alcuni si possono definire blasfemi, ma me ne sono altamente sbattuto e mi son gustato pienamente la lettura ^_^.
Quando uscì Angeli e Demoni andai a comprarlo subito, non vedevo l'ora di leggerlo e bello pure quello ma il finale era da defenestrazione.
Uscirono La verità del ghiaccio e Crypto, belli pure questi ma con meno incisività, meno forza nella narrazione, anche meno suspense. Il giudizio su Dan Brown era calato ma poi constatai che quei romanzi erano stati scritti prima de Il codice da Vinci e questo mi rincuorò, l'autore aveva via via migliorato la propria tecnica narrativa sino all'apoteosi (sì ok ho esagerato XD) dell'ultimo libro, per questo ero impaziente di leggere, quando seppi della uscita, Il simbolo perduto. Una delusione totale, se dovessi dare un giudizio sarebbe tempo e soldi buttati, e "fortuna" che lo avevo comprato all'ipercoop pagando 20 euro invece di 24.
Ora nelle librerie c'è il suo ultimo romanzo, Inferno, al costo di 25 euro; il costo non dipende dal numero di pagine come il prezzo di un dvd non dipende dalla durata del film, però 25 euro son tanti, troppi per un semplice romanzo, sbaglio a pensare che costi tanto solo per il nome dell'autore (ho visto romanzi anche a 30 euro -.-''')? Mi torna in mente quando anni fa uscì un modello di cellulare sui 150 euro, e ci stava lo stesso modello, identico in tutto per tutto ma color oro e con la firma di due famosi stilisti, al costo di 500 euro. Se per la moda lo comprendo (ma che lo condivida è tutt'altra faccenda)  che la firma faccia aumentare il prezzo, nei libri no, lo trovo senza senso, a maggior ragione quando ci sono ottimi romanzi sui 10-12 euro e questo mi indispone all'acquisto (nel caso specifico ancora di più dopo la delusione de Il simbolo perduto). In molti casi la versione digitale costa molto di meno, che sia un modo per spingere la diffusione degli ebook? Anche fosse, 25 euro e più per un romanzo rimangono una follia, sicuramente non comprerò Inferno ora, forse più in là quando uscirà la versione economica...forse. 


Michele

giovedì 21 novembre 2013

Perché vi parlo solo di libri "belli"??? ^_^



Allora, il capo-blog (eh eh NdM) mi ha chiesto di spiegare la motivazione della mia scelta di scrivere soltanto su libri "belli"... (vedere i giudizi finali assegnati ai libri che ho finora scelto per il blog).
Prima di procedere, puntualizzo: 
1) non è detto che un giorno possa decidere di riversare la mia delusione - o peggio - per una lettura nel blog 
2) i libri son "belli" per la sottoscritta, senza pretese di alcun tipo.

Nella mia lunga carriera di lettrice ho incontrato finora due ostacoli insuperabili, che per motivi diversi mi hanno bloccato nella lettura.
Il primo è un vero ostacolo, nemmeno lo definisco libro, si tratta di Cent'anni di solitudine di Márquez (più di 2 anni per finirlo, una vera sofferenza NdM). Eh lo so, è cosa grave, ma io se potessi darei fuoco a tutti i José - Arcadio - Aureliano, e con soddisfazione non da poco.
Lento da far schifo, senza senso, palloso, melenso, ... E penso possa bastare! ^_^
Altro titolo che "m'impiccia", è Quer pasticciaccio brutto de via Merulana, di Gadda: in questo caso non saprei spiegare cosa non mi piace e mi riservo di leggerlo in futuro. 
Ora, ad eccezione di questi due titoli, ho avuto l'enorme fortuna di imbattermi e scegliere di leggere solo libri "belli", il che significa concretamente che possono essere di qualche valore letterario, puramente letture-passatempo, idiozie totali, ma piacevoli a mio modo di vedere, forse azzeccati nel momento in cui li ho letti.
Ovviamente ho anche molte riserve su alcuni generi e autori, soprattutto quei fenomeni di passaggio, di moda, così spesso recentemente portati alla ribalta da premi letterari ormai fasulli e operazioni vergognose di marketing.
Mi basta leggere la quarta di copertina e qualche recensione per decidere di evitare alcuni "casi letterari" ^_^
Però... queste sono scelte ragionate, non blocchi del lettore ^_^  

In questo blog che mi ospita (gratis, ricordiamolo! NdM) preferisco condividere le mie letture preferite, quelle che mi hanno sorpreso, quelle che magari non sono così usuali... insomma, vorrei incentivare alla lettura, fornire qualche spunto per nuove esperienze, incuriosire, perché questo significa essere veri lettori.



Glò

martedì 19 novembre 2013

Libro: "La cattedrale dell'Anticristo" di Fabio Delizzos

Dopo 3 saggi sul mistero uuuuuuuuuuu, finalmente un romanzo. Questo libro lo vidi in una catena di elettrodomestici/elettronica/informatica (forse farò un post sul mio pensiero a riguardo), mi segnai il titolo e andai ad acquistarlo nella "mia" libreria ^^.



TitoloLa cattedrale dell'Anticristo
AutoreFabio Delizzos
Casa editriceNewton Compton
Pubblicazione: 2011
Pagine: 288

martedì 12 novembre 2013

Libro: "Entanglement. L'intreccio nel mondo quantistico: dalle particelle alla coscienza" di Massimo Teodorani


TitoloEntanglement. L'intreccio nel mondo quantistico: dalle particelle alla coscienza
AutoreMassimo Teodorani
Genere: Saggistica
Casa editrice: Macro Edizioni
Pubblicazione: 2007
Pagine: 192
Prezzo: 12,90 €

domenica 10 novembre 2013

Libro: "Armageddon Rag" di George R.R. Martin


Quello che si dice del libro:
- è il romanzo per il quale Martin rischiò di cambiar mestiere
- S. King lo ha definito: "Il miglior romanzo che abbia mai letto sulla cultura                     
  musicale pop dell’America degli anni Sessanta"
- non si sa bene in quale genere collocarlo: thriller, horror, mistery, ...
- presenta vari riferimenti a Il Signore degli anelli di Tolkien
- apprezzato dalla critica, non ebbe successo di pubblico quando fu pubblicato  
  negli USA (e ne ha ben poco anche oggi, pure in Italia).



Titolo: Armageddon Rag 
Autore: George R.R. Martin  
Casa editrice: Gargoyle
Pubblicazione: 2013
Pagine: 478

venerdì 8 novembre 2013

Fumetto: Dylan Dog n. 326 - Sulla pelle



Delusione totale. Storia carina anche se non è niente di particolare, ma non si può nemmeno pretendere di leggere sempre storie stupende e occasionalmente eccezionali; il problema è il piattume della narrazione: nessuna sorpresa, nessun colpo di scena, nessuna caratterizzazione dei personaggi secondari. I disegni non sono da meno, non sono definiti, sembrano tutte bozze e questo stile lo detesto, mi irrita proprio >_<.
Mi consolerò con l'albo gigante ^^.



Michele

lunedì 4 novembre 2013

Libro: "La notte della Repubblica" di Sergio Zavoli

Un caloroso saluto (ma anche un calcio nel didietro XD) a Fabrizio che mi ha chiesto gentilmente (dopo mie insistenti minacce >:->) di poter scrivere sull'ultimo libro letto; il blog è aperto a tutti, tutti quelli che conosco ovviamente :-P e perché quindi non dar modo anche a fabry di poter condividere le sue letture (come per Glo son io a postare...lavoro ingrato) ? Intanto si parte con La notte della Repubblica poi chissà che in futuro non voglia condividerne altre.






Titolo: La notte della Repubblica
Autore: Sergio Zavoli
Casa editrice: Mondadori
Pubblicazione: 1992
Pagine: 546