mercoledì 7 maggio 2014

Film: "Open Grave" di Gonzalo López-Gallego




Un uomo si risveglia in una fossa piena di cadaveri,  una casa abbandonata situata in mezzo ad un bosco, intorno cadaveri appesi e legati agli alberi, 5 persone prive di memoria e una sesta che sembra essere a conoscenza di cosa stia accadendo ma non può comunicarlo perché muta e cinese.
Non male, anche se non troppo originale, come inizio.
La parte horror finisce più o meno qui e il resto del film è tutto basato sul cercare di capire, da parte dei protagonisti, chi sono, cosa fanno lì e soprattutto cosa sia successo. Ed è proprio questo che rende interessante il film, perché seppur privo di scene paurose e con una tensione quasi nulla, l’esser all’oscuro di tutto e scoprirlo poco alla volta insieme ai protagonisti (che non ricordando nulla non si fidano l’un dell’altro dando modo allo spettatore di parteggiare per chiunque, non essendoci un buono né un cattivo) tiene sulle spine portandoci a gustare il film, senza noia, sino alla fine, anche se non privo di difetti, quali il ritmo della narrazione un po’ lento, colpi di scena annunciati e una caratterizzazione dei personaggi non approfondita.
In conclusione, se ci si aspetta un horror si rimarrà delusi, Open Grave è un thriller psicologico a tutti gli effetti e nonostante le mancanze, è un film piacevole da guardare.
Voto: 7


Michele 

Nessun commento:

Posta un commento