mercoledì 2 luglio 2014

Libro: "Il paradiso degli orchi" di Daniel Pennac


Titolo: Il paradiso degli orchi 
Autore: Daniel Pennac 
Edizione letta: Feltrinelli collana Universale Economica, 2002 pagine 202


Bene, comincio subito col dire che questa lettura per me è stata inizialmente alquanto destabilizzante: mi ha disorientato prima di tutto la prosa di Pennac, un misto di stile familiare, quasi basso, e assai gergale. In secondo luogo... mi sono letteralmente persa - colpa mia - nel cercare qualcosa che evidentemente non c'era: credo si possa sintetizzare nella mia tendenza eccessiva a razionalizzare e a cogliere ovunque significati :P
Insomma, mi ci voleva proprio Pennac! È stata una bella lezione!
La storia raccontata, infatti, non è affatto esile, ma arrivo a dire che è insignificante di fronte ai personaggi che la scrittura di Pennac tratteggia e caratterizza in modo formidabile. 
La banda Malaussène (il protagonista Ben e i suoi numerosi fratelli minori) la mamma assente, la zia Julia, i colleghi del grande magazzino, tutti in definitiva, assolutamente tutti, sono personaggi che hanno una forza vitale spaventosa: sembra che esistano veramente, che li si possa incontrare andando a spasso per Belleville.
Eppure, la cifra che contraddistingue il romanzo è quella del surreale, della bizzarria, del politicamente scorretto.
Lo stile è grottesco, pieno di umorismo, cinismo e anche ottimismo, nonostante il genere del romanzo volga al noir.
L'esito della storia di fondo, infatti, ha toni cupissimi e tratta un argomento decisamente serio, comunque non banalizzato dalla leggerezza che Pennac imprime alla sua prosa.  
Che dire... Pennac sa usare le parole in modo affascinante, sa come carpire in modo totale l'attenzione dei suoi lettori: è un vero virtuoso! 


Giudizio finale: il mio tesssoro 


Glò

3 commenti:

  1. Orrimo commento per un autore fantastico!
    Buon divertimento a te nel continuare a leggere le storie di pennac sulla Banda Malaussène!

    RispondiElimina
  2. La banda dei Malaussène è strepitosa! Pennac è un ottimo autore, secondo me, anche se non ho apprezzato tutti i suoi libri (torno al discorso del mio post ;P )
    Concordo con tutto quello che hai scritto!

    RispondiElimina
  3. Grazie per gli apprezzamenti! ^_^

    @ Giulia: visto il tuo parere positivo sui Malaussène (avuto anche da amici, lettori forti e non), ho deciso di completare il ciclo nei prossimi mesi!
    In effetti, fortunati noi che abbiamo la capacità di apprezzare un libro al di là del fatto che sia una lettura del momento o che sia di un autore per il quale simpatizziamo :P
    Su questo tema, consiglio, a chi passasse di qua, il bel post di Giulia, "Mi fido di te?" ^_^

    RispondiElimina