sabato 4 ottobre 2014

Film: "Die Hard - Un buon giorno per morire" di John Moore




Della saga (?) di Die Hard ho visti i primi 3 film e nel complesso mi son piaciuti, quando uscì il quarto episodio Die Hard - Vivere o morire, dal trailer mi sembrò una cagata pazzesca e mi rifiutai di vederlo. L'anno scorso è uscito Die Hard - Un buon giorno per morire e non avendo visto mezzo secondo di trailer, gli ho dato fiducia... uno schifo totale, blèèè!!!
Il film è tutta azione, e così me lo aspettavo e così deve essere, ma sono scene che fanno cagare (oggi ho la fissa per tale termine :D), visivamente belle, nulla da dire ma stupide, senza senso, messe lì solo per far vedere quanto è stato bravo il regista a girarle e dopo un po' annoiano pure.
Ora, levato l'unico motivo per cui si guardano questi genere di film, che rimane ? Nulla! Trama ridicola, dialoghi assurdi, situazioni grottesche, scene che non si legano l'una all'altra e Bruce Willis che riesce ad essere meno espressivo di Terence Hill.
Blèèè!!!
Ho fatto proprio fatica a guardarlo tutto.
Blèèè!!!
Potrei esser io che essendo cresciuto non apprezzi più i film tutta azione ? Ma proprio no, perché Red e Red 2 sono, senza esagerare, strabilianti.
Voto 2


Michele

2 commenti:

  1. ehm... ehm... ma non dire così! anche se concordo con il giudizio globale sul film, questi strani e stupidi film alla fine sono divertenti perchè "americanate pazzesche": io riesco a ridere! molto di più che non con certi attuali filmetti pecorecci che pretendono di far passare per "commedie"!

    RispondiElimina
  2. Ci sono americanate che sono volutamente esagerate e lo capisci perché le scene spettacolari "ti fanno l'occhialino", invece questo Die Hard è serio, ed è questo il problema :D

    RispondiElimina