venerdì 21 novembre 2014

Fumetto: Dylan Dog n. 337 - Spazio profondo



E finalmente ho letto il primo numero del "nuovo" Dylan Dog. 
La storia è ambientata nel futuro, nell'anno 2427, non rovino nulla se vi dico che Dylan ovviamente non c'è e che il protagonista è un suo clone (ok che nei fumetti lui non invecchia, ma c'è un limite a tutto :D); è un albo che può esser considerato a tutti gli effetti uno spin-off e quindi non è il vero primo albo del nuovo corso editoriale ma è l'albo che fa da spartiacque, che fa da linea di demarcazione tra il vecchio e il nuovo, e l'esser a colori è una ulteriore conferma. 
Tale considerazione è fondamentale per giudicare l'albo, perché anche se la storia mi ha richiamato alla mente film quali Punto di non ritornoFrom Beyond - Terrore dall'ignoto Fantasmi da Marte e nel finale un altro film di fantascienza - ovvero dei bei film fanta-horror - risulta essere piatta, perché nonostante l'idea sia carina, è una scopiazzatura dai film, i personaggi sono scialbi e i momenti di tensione latitano; tutta l'atmosfera di paura e angoscia che avrebbe dovuto creare questo fumetto, non c'è, forse inghiottita dal Buco Nero (;-)).
Dovrei dire che sono rimasto molto deluso, ma in considerazione di quanto detto poco prima, considero questo albo come una di quelle cornicette che si facevano nei quaderni, al tempo delle elementari, a fine argomento.
E' bene precisare che la mia valutazione negativa è dovuta all'aver letto tutti i numeri di Dylan Dog e all'aver visto quei film citati e tanti altri di fantascienza e horror, ho vari termini di paragone, ma per chi invece ha iniziato a leggere l'Old Boy da poco ed/o è carente sui fanta-horror, troverà bella e intrigante la storia di questo albo.



Michele

4 commenti:

  1. Ancora non lo leggo, non mi piace nemmeno che abbiano iniziato il nuovo corso con una sorta di what if...? ambientato in un mondo che possiamo definire parallelo^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono state storie ambientate in realtà parallele e non mi dispiace, a patto che la storia sia bella. In questo caso non lo è, ma soprattutto, avrei preferito una storia semplice, o meglio, del tipo di quelle surreali in cui anche Groucho è protagonista rendendola così "comica".

      Elimina
    2. Sì, capisco. Beh, questo albo resterà in attesa a lungo, credo...

      Moz-

      Elimina
  2. Sicuramente è un tentativo per rilanciare Dylan Dog, pensandolo in questo momento storico (vedi i temi scelti), sradicandolo dall'idea originaria. Che ci sia un'intenzione commerciale va da sé, però potrebbe anche essere l'inizio di una nuova avventura e come tale potrebbe rivolgersi ad altri lettori, forse non a quelli affezionati :P

    RispondiElimina