domenica 28 dicembre 2014

Fumetto: Dylan Dog n. 338 - Mai più, ispettore Bloch



Ed eccomi finalmente a dire la mia sul primo numero della nuova gestione, l'albo è uscito ad ottobre e l'ho letto solo in questi giorni, avrei voluto farlo prima ma la relatività ristretta me lo ha impedito (eh eh, come abboccheranno tutti U_U).
Come tutti i lettori, vecchi e nuovi, della serie ideata da Sclavi, mi aspettavo fuochi d'artificio per questo numero e... wow...cioè, wow! Era tanto che non leggevo con gusto, che non leggevo tutto d'un fiato e che mi soffermavo ad osservare le vignette.
La trama finalmente non è banale, è abbastanza articolata con varie sottotrame e soprattutto non la si intuisce subito come accadeva troppo spesso negli ultimi tempi, anzi, la si comprende solo quando viene spiegata nel finale, con un finale che prelude ad altre storie che si ricollegheranno a questa e alle sottotrame. C'è da dire che a lettura ultimata la storia apparirà non originale ma è difetto su cui si può sorvolare senza problemi.
Altro aspetto positivo è la presenza di vari aspetti (ignorate la ripetizione, ve lo ordino @_@) che ricordano il Dylan Dog originario, quello che tutti hanno adorato. Poi ci sono i personaggi che finalmente escono dal loro mummificato copione, niente di rivoluzionario certo, ma piccole variazioni al loro classico cliché comportamentale. E vogliamo parlare di Bloch come protagonista ?
Tutti aspetti positivi, molto positivi!
Dopo albi e albi di delusione, forse questo mi pare più bello di quello che effettivamente sia, però gli aspetti positivi ci sono e li ho elencati, forse non ho notato quelle negativi, ma chi se ne frega, ho ritrovato il piacere di leggere l'Indagatore dell'incubo, la storia mi ha coinvolto e questo basta... non avanza perché ne voglio ancora di storie così *_*


Michele

10 commenti:

  1. Son incredula (e quasi commossa) *__* Giudizio positivo! :O

    RispondiElimina
  2. Giudizio positivo anche per me, si vede che vogliono dare una leggera svolta.
    Vedremo coi prossimi (il nuovo ispettore non male anche se tutto politically correct: lui nero e ispettrice islamica), anche se quello nuovo col mostro tentacoloso in copertina non m'attira per niente. Per fortuna a gennaio arriva John Ghost :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooooooooooooooooo
      Hai spolerato l'albo 339
      Ti banno!
      Anzi no perché l'ho già letto, uomo fortunato!
      XD
      Concordo sul troppo politically correct, è quasi fastidioso e la copertina dell'ultimo numero uscito fa tanto "vecchio" Old Boy.

      Elimina
    2. Ahaha! Mi hai fatto credere di aver fatto un danno! :p
      Comunque, io odio le storie coi mostri :p

      Moz-

      Elimina
  3. Quanti ricordi, lo vedevo sempre leggere al mio compagno...
    Ti stringo forte!

    RispondiElimina
  4. Io invece ne sono rimasto abbastanza deluso... albo piuttosto bruttino, che scopiazza l'idea del numero 125 Tre per Zero (che a sua volta non è proprio originale originale, ma va beh), oltre a diverse cose che mi hanno lasciato alquanto perplesso (la Morte che tiene su di morale Bloch per fare un favore a Dylan?? se un mortale usa la falce della Morte dà la vita eterna?? eh???)
    Spero in qualcosa di meglio per i successivi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti il finale non è piaciuto nemmeno a me. Ho letto altri commenti in giro ed erano molto positivi o molto negativi; penso che dipenda molto da una combinazione di quanto "abbiamo sofferto" nel leggere Dylan Dog in questi ultimi anni e quanta aspettativa avevamo per l'inizio di questa rivoluzione editoriale..

      Elimina
  5. Michele essendo una vecchia lettrice delusa, mi ha fatto piacere la tua recensione positiva su nuovo Dylan. Questo non mi convincera' a comprarlo certo. Ma di sicuro continuera' a fare di me una bonelliana curiosa anche di nuove produzioni ma legatissima ormai al suo beneamato Dampyr.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando ci si lega ai personaggi è poi difficile abbandonarli, altrimenti avrei smesso di comprarlo anni fa :D

      Elimina