domenica 25 gennaio 2015

Fumetto: Dylan Dog n. 340 - Benvenuti a Wickedford



Qualche giorno fa ho preso tre pezzi di pizza al taglio:

  • margherita con wurstel e patate
  • stracchino, rucola, pomodorini, prosciutto crudo e scaglie di grana
  • pomodoro fresco a fette, scamorza, mozzarella, speck e pepe

Una delizia, ritornerò sicuramente in quella pizzeria *_*

Eggià! E' più interessante dirvi della pizza che parlare di questo albo. L'unico aspetto positivo è l'aggiunta di altri piccoli tasselli sulla nuova vita di Bloch.
Spero vivamente che questi primi "nuovi" albi siano solo una introduzione e che poi il nuovo corso prenda il via in maniera decente.
Il rischio che abbandoni la serie regolare, leggendo solo gli albi speciali, è molto concreta, anche perché la descrizione di come saranno i nuovi albi non regolari è molto invitante, a quanto è scritto nel sito della Bonelli (Tutto sul nuovo Dylan Dog)



Michele

12 commenti:

  1. Appena ho visto la copertina ho evitato di leggerlo. Penso che non le leggerò mai :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ma ce l'ho. Solo che non lo leggerò MAI.

      Moz-

      Elimina
    2. Io non riuscirei a comprare un fumetto e non leggerlo pur sapendo quanto sia brutto

      Elimina
  2. Si, decisamente meglio parlare della pizza che del nuovo numero di DyD .....:(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Altro che "stendiamo un velo pietoso". A memoria non ricordo una storia più squallida di questa.

      Elimina
  3. AHAHah! Troppo bello l'inizio di questo post! :°D

    RispondiElimina
  4. Un problema di Dyd è il profondo anacronismo delle sue storie... un personaggio che rifiuta la tecnologia, monta un modellino di galeone, scrive un diario con la penna d'oca... proprio non ci sta.
    Una soluzione a cui nessun fumettista pensa mai è quello di "congelare" l'ambientazione: cioè si poteva ambientare Dylan Dog sempre tra la fine degli anni '80 e l'inizio degli anni '90, dandogli una forte e affascinante impronta retrò.
    Allora è benvenuta la nuova gestione. Ma il vero problema restano le storie: trovarne una che ti resti dentro negli ultimi - diciamo 100 albi? - è dura. L'appiattimento che leggi, ti fa cadere le braccia. In queste ultime settimane ho ripreso a leggerlo dopo forse 3-4 anni e miglioramenti nella qualità e soprattutto originalità delle storie ne ho visti davvero pochi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sì perché non basta semplicemente rendere più moderno il protagonista e sostituire qualche personaggio per rivoluzionare una serie, soprattutto se sta perdendo lettori.

      Elimina
  5. Michele mio, tralascio i nuovi album per malinconia e ricordi...in compenso scelgo la seconda pizza..
    Un bacio!

    RispondiElimina