martedì 30 giugno 2015

Libro: "Fantacomics. Un irresistibile viaggio nei grandi fumetti degli anni '60/'70" di Fabio Lastrucci



TitoloFantacomics.  Un irresistibile viaggio nei grandi fumetti degli anni '60/'70
AutoreFabio Lastrucci
Genere: saggistica
EditoreDelos Digital collana I coriandoli
Pubblicazione19 maggio 2015
Pagine: un centinaio
Versione digitale2,99 € (DelosStore Amazon ibs BookRepublic)

Iniziamo questa recensione con i ringraziamenti, e sì, nonostante il nostro sia un piccolo blog abbiamo avuto l’onore di  esser stati scelti da Fabio Lastrucci per recensire il suo ultimo libro (*_*).
Grazie! Davvero!

Prima della recensione alcune informazioni sull’autore
Fabio Lastrucci nasce a Napoli nel 1962. Scultore e illustratore, ha lavorato per le principali reti televisive nazionali, il teatro lirico e di prosa con i laboratori Golem Studio, Metaluna e Forme, mentre attualmente porta avanti il progetto artistico Nuages - morbidi approdi con il fratello Paolo. Nel 1987 disegna l'albo a fumetti La guerra di Martìn, su testi del drammaturgo Francesco Silvestri. Come autore di testi ha messo in scena lo spettacolo teatrale Racconti Salati (con Fioravante Rea e Fulvio Fiori), inoltre ha pubblicato numerosi racconti in riviste e antologie edite tra gli altri da Il Foglio Letterario, CS_libri, Perrone, Montag, Delos Books, Ciesse e Dunwich. Nel 2012 presenta con le Edizioni Scudo il saggio I territori del fantastico, una raccolta di interviste semiserie con autori italiani e stranieri. Nel 2014 pubblica gli ebook di fantascienza Max Satisfaction (con le edizioni La mela avvelenata) e Utopia Morbida (con Asterisk edizioni). Con Milena Edizioni pubblica il suo primo romanzo Precariopoli - come trovare lavoro a Napoli mentre cerchi di svignartela senza pagare il conto. Con Dunwich edizioni pubblica l'horror L'estate segreta di Babe Hardy. Collabora con interviste e articoli con le riviste Delos Science Fiction e Rivista Milena

E ora la nostra opinione ^^

Il libro - un ebook - di Lastrucci è un saggio su comics a sfondo fantascientifico degli anni  ’60/’70 soprattutto a livello europeo, permettendo una interessante comparazione tra aree diverse e anche la possibilità di tracciare modelli e premesse di esiti futuri.
Non vengono presi in esame tutti i fumetti e personaggi di quel periodo,  la disamina esclude, tranne qualche caso, i comics più famosi, quelli di cui ormai si è “straparlato”, Lastrucci si concentra invece sui fumetti meno conosciuti che hanno avuto un ruolo importante nella evoluzione delle tematiche sci-fi, temi che poi si ritroveranno non solo nei fumetti moderni, ma anche nelle produzioni cinematografiche tra film e serie tv. 
È un’analisi approfondita, non viene solamente accennata la trama di base, ma vengono analizzati i personaggi, esaminate le motivazioni che diedero vita al tal fumetto, spiegate le ideologie rappresentate attraverso le tavole, mostrata l’influenza che ne scaturì negli anni a venire, inoltre si dà spazio a curiosità sia sui vari autori, sia sulle sorti e le vicende editoriali dei vari comics presi in considerazione.
E tutto ciò porta a riflessioni ulteriori sulla società del tempo, sui costumi, sulla percezione della morale e, certamente non a sorpresa, della censura
A tal riguardo ci hanno colpito particolarmente i due capitoli dedicati alle cosmic girls, che, oltre a presentare fumetti strabilianti, ci danno anche la misura del cambiamento sociale della visione della donna, proprio attraverso il fumetto.






Pensiamo che queste considerazioni vadano nella direzione di valutazione più appropriata del genere, troppo spesso relegato a "qualcosa per i bambini".
Il fumetto è una forma d'arte, un mezzo espressivo che coinvolge tecnica e estro creativo, collocato in un contesto storico preciso e che, come tale, deve essere recepito.






La lunghezza del libro non deve trarre in inganno, è un saggio ricolmo – positivamente - di informazioni (se ne deduce la vasta conoscenza che ha l'autore su tale tematica), ricco di spunti per un ulteriore approfondimento, incuriosisce e stimola il lettore a voler recuperare quei vecchi fumetti; tutto merito di Lastrucci che non risulta mai pesante, non fa sfoggio del suo sapere, non sta tenendo una lezione, la prosa è brillante, divertente, garbata, briosa e colta, è come se fossimo seduti al bar insieme ad un amico che ci sta raccontando una storia, leggera e gradevole condita con un pizzico di ironia.
Ogni capitolo è arricchito da tavole  - stupende -  inerenti i fumetti analizzati, in modo tale da garantire una diretta aderenza a ciò di cui si sta raccontando, illustrazioni che aiutano a comprendere meglio le idee che han caratterizzato quegli  anni.

Valore aggiunto a questo saggio è l’introduzione di Michele Tetro che ci parla del suo rapporto con i comics.

Consigliamo questo saggio a tutti i lettori (appassionati e casuali) del fumetto, lo consigliamo anche a coloro che pur non leggendo guardano film e serie tv sci-fi, perché, come scritto, quei comics gettarono le basi per  la moderna produzione di storie fantascientifiche. E non di meno lo consigliamo a tutti i cultori del genere per il taglio particolare, per periodo e scelta del materiale, certi che Fantacomics risveglierà in loro ricordi di tempi differenti e ormai lontani, quelli in cui avevano altra collocazione le riviste (anche coraggiose per ciò che proponevano) per "ragazzi", le edicole, l'ansia delle uscite settimanali, i giornalini che si cercavano disperatamente. E lo consigliamo anche a chi semplicemente vorrà compiere un bel viaggio a ritroso in quegli incredibili anni '60-'70 e recuperare tesori perduti.

Attenzione! Non fatevi ingannare dal costo contenuto: anche se spesso il prezzo basso è sinonimo di scarsa qualità, non è questo il caso.


E concludiamo mostrandovi questa cover
serve aggiungere altro ?


Giudizio finaleil mio tesssoro


la nostra Libreria

42 commenti:

  1. Recensirò anche io un'opera di Fabio Lastrucci, non vedo l'ora di lanciarmi nella lettura.
    Leggo che hai scritto anche un'opera teatrale, ecco, questa mi incuriosisce davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Luz! Attendiamo dunque! ^_^

      Elimina
    2. Teoricamente potrei recensire un racconto di Lastrucci, teoricamente perché fa parte di una raccolta e recensire ogni singola storia forse sarebbe troppo. Inutile pensarci, prima devo leggere il libro :D
      Attendemus @_@

      Elimina
  2. La produzione teatrale è stata episodica, per lo più in teatro ho collaborato come scultore. Le uniche due sortite sono i testi delle canzoni per un musical tratto da Eduardo Scarpetta e un monologo per "Racconti salati", spettacolo a tre autori messo in scena nell'Acquarium di Napoli.
    Chissà se un giorno ci saranno altre occasioni...

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', speriamolo!!! *__*
      E bentrovato Fabio! ^_^

      Elimina
  3. Avevo già intenzione di leggerlo, ora è diventato un obbligo!^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Moz, te lo ri-consiglio!!! *__* Si legge d'un fiato, interessantissimo e curato! Davvero una bella sorpresa!
      Grazie e a presto, buona serata ciaoooo! ^^

      Elimina
  4. Bella recensione, gente *_*
    Quello di questo libro è proprio il periodo del fumetto che colleziono io. E' quindi probabile che conosca molto di quello che vi è scritto, ma certo non posso farmelo sfuggire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ivano, ci tenevamo particolarmente: è un ebook davvero molto ben realizzato e pensato! Non te ne pentirai, per la sola forma nella quale sono stati presentati i vari comics: notizie interessanti, vicende editoriali, curiosità e dettagli più tecnici! *_*
      Buona serata!!! ^_^

      Elimina
    2. Grazie dei complimenti (*_*), come detto Gloria ci tenevamo molto a a questa recensione e constatiamo che avete gradito ^^.

      Elimina
  5. Mi riprometto di dargli uno sguardo alla prima sortita in fumetteria. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come accennato poco sotto da Fabio, la versione disponibile (per adesso, e per quello che so io) è digitale (nella scheda dati ci sono i link dei principali store), e, sapendo il tuo interesse per i comics, te la consiglio fortemente!
      Ciao Pirkaf, grazie mille! ^_^

      Elimina
    2. Ti piacerà sicuramente.
      Grazie della visita ^^

      Elimina
  6. Ringrazio tutti per il gentile interessamento! Vorrei ricordare però che il libro è un ebook reperibile sui principali store on line ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Fabio!!! E sentiti liberissimo di intervenire come e quando meglio credi! ^^
      Buona serata!

      Elimina
  7. E vabbè, come si fa a dirti di no? Stavolta sono ignorante in toto e non vedo l'ora di lustrarmi occhi e cuore...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì!!! ^_^ Penso che ti piacerà, soprattutto per il periodo preso in esame!
      Ciao e buonanotte cara Mariella! ^_^

      Elimina
    2. Visto che si tratta di e-book dovrò aspettare la fine dell'estate. Ma ci sono troppi valori aggiunti: l'autore napoletano, la sua competenza, i richiami alla commedia della mia terra e un'introduzione che mi incuriosisce parecchio;) abbraccio Glo'.

      Elimina
    3. Ho dimenticato il periodo preso in considerazione: quello che ha formato anche me!

      Elimina
    4. come si fa a dirti di no? :-( anche io ho scritto la recensione :'-(

      Aspettare la fine della estate per l'ebook... mistero (゜゜)~

      Elimina
    5. Ma lo so Michele che hai scritto tu la recensione. E non solo... Fine estate perché dovrò' farmi prestare l'e-book se voglio leggerlo :-)

      Elimina
    6. Visto com'è Pignolo? XD

      Elimina
  8. Vedere qui la copertina di "Scarth: una donna anno zero" mi ha provocato un mezzo infarto. Ah, che ricordi!!!! Avevo quel fumetto quando ero un ragazzino... chissà che fine ha fatto? Perso come milioni di altri in qualche trasloco e/o finito in qualche discarica contro il mio volere. Sento che ho bisogno di riaverlo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I fumetti di una volta sono "superiori" a quelli attuali, con tutti i se e i ma ci mancherebbe. ma è più o meno lo stesso discorso dei film horror e di fantascienza di una 20ina e più di anni fa, una spanna su quelli moderni

      Elimina
    2. TOM! Io ignoravo bellamente la maggior parte dei fumetti trattati! Scarth mi ha colpito moltissimo devo dire, anche per la bella trattazione che Lastrucci ne ha fatto nel capitolo dedicato alle cosmic girls (Cosmic girls La galassia delle fantaeroine, cui segue altro capitolo dedicato interamente alle cosmic girls nostrane), veramente interessante *__*

      Elimina
  9. Credo (penso) di avere tutti i fumetti trattati in questo libro, ma sono curioso di leggere come verranno organizzati e valutati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei un appassionato allora!
      Questo saggio a noi è piaciuto molto proprio per la struttura data: diciamo che è un ottimo compromesso tra notizie curiose, tecniche e, soprattutto, piacevolezza nella lettura!
      Grazie per essere qui e buona serata! ^_^

      Elimina
    2. Ti può ritenere un esperto, apprezzerai ancor di più il saggio rispetto a me e Glò.
      Grazie del passaggio ^^

      Elimina
  10. Io che sono una lettrice " casuale " di fumetti , mio caro Menestrello e mia cara Glo' , penso che questo autore faccia proprio al caso mio..
    Interessante la presentazione della donna che mi ha molto incuriosito..e quando scatta la mia curiosità non c'è scampo ..
    Lo leggerò, tra un concerto e l'altro..
    Mi darà molto tono!!!
    Grazie amici miei carissimi..Vi abbraccio entrambi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo divorerai, arriverai all'ultima pagina senza rendertene conto. Poi con le tavole che Lastrucci ha selezionato, uno spettacolo.
      Ricambio l'abbraccio e buona serata ^^

      Elimina
    2. Nella, sono convinta che ti piacerà e ti farà passare ore piacevolissime... e sì, ti darà decisamente tono! ^^
      Grazie a te, per la presenza costante! Un abbraccio ^_^

      Elimina
  11. Bello bello bello bello. In effetti ci sono delle chicche che solo un grande conoscitore poteva regalare. Mi sono molto ridimensionato nella mia auto convinzione (a questo punto millantato credito) di essere un esperto del mondo dei fumetti. Grazie per il "consiglio per gli acquisti". Bello bello , direi di più: bellissimo. Non so se si è capito che ho gradito molto hahahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A tua discolpa :-p diciamo che il mondo dei fumetti è troppo vasto.
      Grazie a te per esserti fidato di noi (^_^) e per esser tornato a dare il tuo responso di lettura... positivo mi pare di aver capito :D

      Elimina
    2. Che piacere leggere il tuo commento! ^_^ Prima di tutto, perché a noi il saggio è veramente piaciuto! E poi perché avere un feedback post lettura è cosa apprezzatissima *__*
      Grazie e buonanotte! ^^

      Elimina
  12. Mi avete provocato hehehehe... ho dovuto dire la mia anche su amazon, tanto per invogliare a comprarlo. Colpa vostra.... spacciatori di fantasia che non siete altro...

    RispondiElimina
  13. Mille grazie per i commenti e gli apprezzamenti, Massimiliano! La vostra accoglienza mi istiga a pensare magari un Fantacomics 2, c'è ancora tanto di cui parlare ;-)

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a chi ha proposto una simile "prelibatezza". Ho sempre sostenuto la nobiltà del fumetto. Sempre. Nel mio piccolo e nella mia attività di blogger neofita ho scritto un articoletto di apologia delle nuvole parlanti. Ovviamente ben misero rispetto a tante belle cose che leggo qua e là.

      Elimina