domenica 6 settembre 2015

Libro: "Fantacomics. Un irresistibile viaggio nei grandi fumetti degli anni '60/'70" di Fabio Lastrucci



Titolo: Fantacomics. Un irresistibile viaggio nei grandi fumetti degli anni '60/'70
Autore: Fabio Lastrucci
Genere: Saggistica
Edizione letta: Delos Digital collana I Coriandoli, 2015 pagine 180
Versione digitale: 2,99 € (DelosStore Amazon ibs BookRepublic)

Prima di iniziare, mi preme fare alcune premesse.

Fino a qualche mese fa ero saltuario lettore di questo blog, perlopiù su inviti fatti tramite chat da parte di Mik&Glò: ci conosciamo da un po' e mi è piaciuto il loro farmi partecipe di questo progetto, parlarne con entusiasmo e condividere le considerazioni durante la sua evoluzione... da spettatore è parecchio più semplice! Nelle nostre chiacchierate ho sempre manifestato ammirazione (per quello che stavano realizzando) mista a scetticismo sulle mie potenzialità da blogger, va bene che le idee -in genere- non mi mancano, ma un conto è la potenza, un altro paio di maniche l'atto.

Un bel giorno di giugno però, mi son deciso a fare il grande salto e il resto è già storia XD

Quello che forse non sapete è uno dei motivi per cui state leggendo tutto questo oggi, ma rimedio subito! Il mio ingresso è avvenuto in un momento che mi piace definire prezioso per il blog: il contatto con l'autore di cui avete già letto in queste pagine. I ragazzi avevano già fatto la segnalazione e stavano rifinendo la successiva opinione quando si sono ritrovati davanti al quesito: "e il nuovo arrivato?". A risolvere il problema ci ha pensato lo stesso Fabio Lastrucci: perché non dare al novellino la possibilità di esprimersi in un secondo momento secondo le sue tempistiche? Ed eccomi qua :P

Se dovessi sintetizzare la mia opinione su quest'opera in una sola parola, questa sarebbe: accogliente. Infatti già dalle prime battute, l'autore fa di tutto per mettere il lettore a proprio agio, indifferentemente che sia un appassionato cultore o una qualsiasi persona che si approccia per la prima volta all'argomento. Questo, unito ad una scrittura chiara e diretta, penso sia davvero un grande punto a favore, anche considerando la natura del libro: chi è abituato a storcere il naso quando sente nominare la saggistica, potrà e dovrà ricredersi! Se poi ci aggiungete anche lo stile a dir poco colloquiale con cui vengono presentati i vari protagonisti e le storie della sua esposizione, non potrete far altro che condividere la mia affermazione iniziale. E diventa poi davvero divertente seguirlo nella narrazione, quindi dimenticate i verbosi e noiosi saggi che avete letto finora e immaginate di aver intavolato una piacevole discussione con un amico che vi racconta i suoi aneddoti.

Nel corso della lettura, un'altra caratteristica che mi ha particolarmente colpito è stata l'assenza della sensazione di ignoranza che spesso mi pervade quando mi trovo al cospetto di tanto sapere che io non so :D e mi ha stupito molto il fatto che, pur non conoscendo il 90% di autori e opere citati, non si subisca affatto questa mancanza. Al contrario, si viene stimolati nel volerne sapere sempre di più! L'ovvia conseguenza è forse l'unico "difetto" che mi sento di attribuire a questo libro: ogni singolo capitolo è un contenitore sterminato di nomi, titoli e immagini che purtroppo si conclude troppo presto: ci vorrebbe un saggio per ogni capitolo, tanta è la piacevolezza con cui scorre il tutto, e forse non basterebbe a saziare nemmeno una piccola parte della curiosità istigata da tale dimostrazione così semplicemente bella di una vera passione.

Mi accorgo solo adesso di non aver citato nessun passo dal testo e di aver limitato i vostri occhi, ormai bramosi di averne di più, alla singola immagine di cui sopra... e non me ne pento! La scelta di riportare una qualsiasi parte delle simpatiche e dettagliate storie che ci ha regalato l'autore, ne avrebbe in ogni caso penalizzato un'altra, quindi perché farlo? Molto meglio consigliarvi -con fermezza- la lettura di tutta l'opera, senza favoritismi di sorta. Per quanto riguarda l'immagine... Beh! Qui spunta la mia vena filosofico-romantica: essendo presentata nelle primissime pagine, mi fa piacere pensare che sia una sorta di auto-augurio, nella speranza di vedere realizzato, quanto prima, un degno seguito (che spero numeroso), per far contenti sia gli amanti del genere, sia i meno avvezzi che ne resterebbero comunque affascinati, senza dubbio alcuno.

Concludo con un'informazione che vorrei non tralasciare: vista la situazione in cui mi sono piacevolmente trovato, ho evitato di leggere le considerazioni fatte dai miei colleghi e, di conseguenza, anche tutti i commenti al precedente analogo post. Se mai doveste trovare sintonia e ripetizioni nelle opinioni espresse, dal mio punto di vista vuol dire solo una cosa: il valore dell'opera è a prescindere ;)


Giudizio finale: ottimo acquisto


la nostra Libreria (PiGreco)

27 commenti:

  1. Quindi pure io che di fumetti ne so ben poco mi sentirei tanto ignorante.... :)
    Sai, io leggevo solo Tex e Zagor a casa dei cugini e quinid pure a scrocco... ahhahha
    Il fatto è che non mi appassionano più di tanto e non capisco i perchè

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pat!

      Esattamente il contrario, secondo quanto da me scritto :P
      Il fatto di non conoscere passa in secondo piano. E se posso permettermi un consiglio: fai un tentativo con questo saggio! È un po' come a scuola... le materie sono sempre le stesse, è l'insegnante a fare la differenza ;)

      Elimina
    2. Infatti ne ho perso un pezzo per strada.... :)) A volte il dito per cliccare l'invio è più veloce della testa che pensa ahahahha
      La frase giusta era

      Quindi NEPpure io che di fumetti ne so ben poco mi sentirei tanto ignorante.... :)

      L'insegnante fa sempre la differenza! Se ti fa innamorare di cosa spiega è tutto più semplice!

      Elimina
    3. Un po' come quello che facciamo noi nella blogosfera :D

      Elimina
  2. Concordo sul giudizio finale Che dai: OTTIMO ACQUISTO.
    Ho commentato già il precedente post e non posso che ripetere quanto piacere mi ha dato possedere una simile prelibatezza. Ho anche lasciato un commento su Amazon, per quel che vale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale, vale ;) soprattutto per chi -come me- legge e ricerca prima dell'acquisto :P

      Elimina
  3. Molto contenta che il saggio sia piaciuto anche a te, PiGreco, e che tu abbia in sostanza confermato le sensazioni avute da me e anche da Mik.
    Verissimo che si vorrebbe leggere di più ad ogni capitolo!
    Per quel che riguarda il tuo arrivo nel blog, oltre a esserne contentissima, sappi che il blogging crea dipendenza [e che CapoMichele è uno schiavista -_- (ma shhhhhhh!)] ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti ora potrei anche leggere le vostre impressioni :D e tutti i commenti già fatti!

      Dai qualche giorno e dovrei tornare operativo :P

      Elimina
  4. Ho avuto modo di conoscere bene Fabio Lastrucci sia come persona che come autore e ti posso confermare che si tratta di una persona garbata, garbo che inserisce nella sua scrittura. I fumetti sono una delle sue passioni e li sa trattare molto bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nick e piacere di leggerti!

      Aggiungo al tuo commento che sa trattare bene anche i suoi lettori, e non è cosa da poco ;)

      Elimina
  5. Prima o poi lo leggerò, ma devo prima comprarmi un lettore. Credo sarà per questo Natale ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ivano!

      Io l'ho letto sul pc e forse è uno dei pochi casi in cui il lettore è un di più: apprezzi molto meglio le splendide copertine che ci sono. Mi raccomando, non puoi non leggerlo!

      Elimina
    2. Ok, grazie di questa nota a margine, Paolo. Buona giornata :)

      Elimina
    3. Un piacere, Ivano ;)

      @Mik: gne gne gne :P

      Elimina
  6. Onorato di questa seconda bella recensione a Fantacomics. È bello vedere che il libro possa incuriosire anche chi non è espertissimo del ramo. Sto seriamente pensando alla possibilità di produrre un volume 2 con altri personaggi da riscoprire. Un grazie grande a PiGreco e La nostra libreria, inoltre un abbraccio caloroso al caro Nick, sempre benevolo!

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo noi ad essere onorati e siamo pure molto contenti di esser tra i "colpevoli" che ti hanno ispirato un (potenziale) secondo saggio *__*
      Grazie a te e buona serata ^_^

      Elimina
    2. Glò, permettimi, ma quale "potenziale"!?!?! Fabio... we want more!!! :D

      Grazie a te per aver bussato a questa porta e per aver causato piacevole divertimento e curiosità a pacchi :P

      Elimina
  7. Ottimo viaggio nel mondo dei fumetti.
    Serena giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sintesi azzeccata!

      I miei omaggi, Cavaliere :D

      Elimina
  8. Dovreste provare a fare anche un'unica recensione a tre voci (o meglio a 6 mani). :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intendi una recensione che comprenda il parere di tutti e tre? Ci ho pensato e ne abbiamo parlato per future recensioni e abbiamo convenuto che sarebbe difficilissimo :D ma chissà.

      Elimina
    2. PiGreco ha spiegato il motivo di questa sua recensione, ma non è detto che in futuro non se ne facciano a più mani ;)

      Elimina
    3. Hanno già detto tutto loro :P

      Elimina
  9. La saggistica con argomento fumettistico mi interessa molto, negli ultimi anni ho letto un paio di tomi editi da Tunuè molto appassionanti, uno sulla censura nei fumetti della prima metà del 1900, l'altro sul manga. Anche questo volume potrebbe rivelarsi molto interessante. C'è anche in edizione cartacea?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Firma!

      Devo informarmi sui tomi da te citati, sembrano davvero interessanti, tanto quanto questo ;)

      Mi sa che daremo un bel da fare a Fabio: tra richieste di altri volumi e di edizioni cartacee, avrà tanto da valutare per il futuro :P

      Elimina