lunedì 9 novembre 2015

Segnalazione: "Solo una storia" di Luca Porcella



TitoloSolo una storia
AutoreLuca Porcella
EditoreEretica Edizioni
Pubblicazionenovembre 2015
Pagine117
Versione cartacea13,00 € 9,90 € (Eretica Edizioni)

Sinossi: G. è un liceale modello: voti alti, rendimento al massimo, il figlio che tutti i genitori vorrebbero avere. Ma per gli altri è solo il compagno di classe perfetto per farsi passare una versione di Latino: non un amico, ma una persona utile con cui, fuori dalla scuola, è meglio non farsi vedere troppo.
I suoi giorni passano nell’assoluta normalità, senza che lui riesca a fare nulla per uscire dalla gabbia in cui si sente intrappolato.
Le cose cambiano in una mattina di un aprile stranamente poco caldo: è nella hall di un albergo che incontra H.
Nel corso di una gita scolastica a cui non avrebbe neanche voluto partecipare, si scontra con una ragazza con i capelli scuri e gli occhi piccoli da cui non può che rimanere folgorato. Nonostante la timidezza e l’incapacità di G., passano insieme una serata, chiacchierando e scoprendosi incredibilmente simili, ma una pioggia improvvisa rovina tutto quello che potrebbe succedere. La mattina successiva H. riparte, lasciando G. a fare i conti con i propri rimpianti, come sempre. 
I due vivono lontani, e alla loro età le distanze sono tutt’altro che relative, così gli anni passano senza che riescano a vedersi di nuovo. Mille promesse di incontrarsi naufragano tra un impegno e l’altro, finché un giorno.
Era semplicemente lei, nella sua semplicità. Con due occhi piccoli che guardavano oltre e che non si fermavano sulle cose più vicine e immediate. Con un maglione senza fronzoli e poco trucco, perché non ne aveva bisogno, e magari ci sarebbe stata anche male, con troppo rimmel e il fondotinta pesante. Era bella, molto. Ma non bella e scintillante come New York a capodanno: era bella in una maniera diversa da com’era abituato a vedere le ragazze a quell’età. Più underground, o forse solo meno appariscente. Era bella come la Barcellona di un libro di Zafón

AutoreLuca Porcella è nato a La Spezia nel 1989, ma sin dall’età di un anno vive in provincia di Roma.
Appassionato da sempre alla letteratura, ha provato anche a scrivere qualcosa di tanto in tanto. Ha frequentato il liceo classico diplomandosi con la discussione di un percorso tematico incentrato sulla magia: dal valore sociologico delle pratiche magiche nell’antichità a Giordano Bruno e Teofrasto Paracelso, passando per il ramo d’oro di Enea e la magnifica storia di Medea.
Nel 2008 un suo racconto, intitolato Domani diciott’anni, è stato scelto per far parte di una raccolta di storie a tema sull’Irlanda (Irlanda nel cuore), pubblicata dall’Istituto Italiano di Cultura a Dublino. Lo stesso racconto, tradotto in inglese (Eighteen Tomorrow), è stato poi incluso nella versione in lingua dell’opera.
Si è laureato nel 2011 in Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali (triennale) e nel 2013 in International Relations (magistrale). La tesi finale, dedicata al ruolo delle lobby nel processo di democratizzazione dell’Unione europea, è stata pubblicata a ottobre 2014 dall'editore Lambert Academic Publishing.
Da  maggio 2013 lavora come consulente per il settore pubblico, occupandosi principalmente di immigrazione e, più recentemente, di progetti in ambito europeo.
Grande appassionato di moto: con la Honda CB500X viaggia in lungo e in largo per l’Italia e aspira alla mitica meta di Capo Nord, e nel frattempo racconta i suoi itinerari e i suoi spunti su un blog



la nostra Libreria

39 commenti:

  1. Una di quelle storie in cui tutti si possono riconoscere....

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. Grazie mille, spero che il mio libro ti piacerà, se deciderai di leggerlo. In quel caso mi piacerebbe sapere cosa ne pensi.
      Buona serata!

      Elimina
  3. Da motociclista fatto e finito (non ho mai nemmeno preso la patente della macchina) non potevo non visitare il blog e non essere interessato a questo autore, grazie per la segnalazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oltre al romanzo ci ha colpito la biografia dell'autore, passione per la moto compresa

      Elimina
    2. Motociclisti: gente speciale. (Scooteristi e affini astenersi dai commenti hehehe)

      Elimina
    3. Non sono scooterista e affine quindi mi è concesso commentare eh eh eh!
      A questo punto immagino che il il mio commento sul blog di vespa39 ti abbia fatto inorridire :D

      Elimina
    4. Non ho visto il commento sul blog, sono rintronato, ma sul post di cercatore di favole?
      Comunque avrai detto peste e corna di noi attempati motociclisti che non vorrebbero più smontare dalla sella solo perché gli si è incriccata la schiena, mica per altro hahahaha.
      Il blog di questo, ragazzo, luca porcella, è carino

      Elimina
    5. No, era un commento al guest-post scritto da Vespa39: "Lettera a un ragazzo sano" o un titolo simile.

      Elimina
    6. La moto è sempre uno dei leit-motiv in quello che scrivo. Fa da sottofondo a tanti pensieri meglio di tanta musica.
      Buona serata!

      Elimina
  4. Trama un po' troppo sui generis per i miei gusti, ma apprezzo la segnalazione ed il lavoro che fate. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie.
      La fortuna del blog è che siamo in 3, più variegati i gusti, ma anche più ponderate le scelte sulle segnalazioni.

      Elimina
  5. ... e spesso case editrici meno note... bravi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ci mettessimo a segnalare libri di grandi editori (abbiamo ricevuto richiesta per un libro della Mondadori), l'essenza stessa della segnalazione verrebbe meno.Sul libro della Mondadori non abbiamo avuti dubbi sulla non segnalazione perché era di un genere che non ci piace, un harmony erotico.
      Grazie ^^

      Elimina
  6. Come sempre mi avete incuriosito e sono anche andata sul suo blog a presentarmi :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono andato a curiosare il tuo commento da Porcella :P
      Grazie per aver specificato che lo hai scoperto grazie a noi ^^

      Elimina
  7. E vabbè, ma le fonti bisogna sempre citarle:-) simpatico Luca!

    RispondiElimina
  8. Segnalazione interessante!
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  9. Insolito direi... in genere sono gli occhi grandi che incantano :O

    RispondiElimina
  10. L'autore mi incuriosisce molto , tutte le sue passioni e i suoi trascorsi sono così lontani, ma incredibilmente vicini..e poi è ligure..
    Lo leggerò!
    Grazie e un bacio speciale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora ti informo che anche Glò è ligure.
      Grazie Nella, baciotto serale ^^

      Elimina
    2. Grazie mille, Nella. Nel mio libro c'è un po' di ogni mia passione, spero ti piacerà.
      Un saluto

      Elimina
  11. Mi sa che no grazie! :P
    E poi ho a casa un racconto di un'antologia che è praticamente uguale, almeno a grandi linee...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché, tu dalla sinossi sei riuscito a capire di cosa parla? Allora si vede che sono io in deficit di comprensione...

      Elimina
    2. :O
      Ma potrebbe essere più bello questo, vallo a sapere :P

      Elimina
    3. Ciao Marco, posso chiederti a quale racconto ti riferisci? Mi farebbe davvero piacere leggerlo: mi incuriosisce scoprire che idee e fantasie mi accomunano a persone diverse in tempi diversi, credo sia una delle cose belle dello scrivere.
      Grazie mille e buona serata!

      Elimina
    4. Dove ti ho lasciato di Giulia castelli, esordiente al suo primo racconto.
      Non è che sia proprio uguale, soprattutto perche non so che sviluppi hai poi dato alla trama, ma alcuni elementi sono simili e me l'hanno fatto tornare in mente.
      Buona serata a te!

      Elimina
    5. @ivano: si, a grandi linee la trama e abbastanza chiara, ma poi ovviamente non di nello specifico gli sviluppi.

      @michele: può essere, in quel racconto l'editor ha fatto una scelta del tutto illogica e incomprensibile. Non che sia un brutto racconto, semplicemente non è il mio genere.

      Elimina
    6. Grazie mille per l'informazione, leggerò sicuramente questo racconto!

      Elimina