venerdì 4 dicembre 2015

Consigliando: W. Cather, F. Pessoa e W. Whitman




All'apertura del blog avevamo pensato a 2 formati per le recensioni (con qualche difficoltà), uno normale Impressioni su e uno veloce Consigliato/Sconsigliato in base al giudizio da dare. Ci rendemmo conto che gestirli era complicato; cambiamento drastico, un solo tipo di recensione con il tag Libro nel titolo.
Con l'arrivo di PiGreco abbiamo ripreso l'idea, nessuna che ci soddisfacesse però. Merito del menestrello -come sempre ( ̄ー ̄)- (anche se lo spunto gli è arrivato leggendo la rubrica I libri del mese di Mariella) nel proporre una soluzione tanto semplice quanto banale per una stesura e lettura veloce: più mini recensioni alla volta; ed ecco che siamo tornati alle origini con quel Consiglio di lettura che avevamo scartato.

È fondamentale che voi sappiate, come è riportato nelle regole della pagina Consigliando, che non è una vetrina, i libri consigliati sono sempre stati letti.



TitoloLa bellezza di un tempo e altri racconti
Titolo originaleThe Old Beauty and Others
AutoreWilla Cather
TraduttoreDomenico Scarpa
Edizione lettaSellerio, collana Il castello, 1994 pagine 126

Quattro racconti; la descrizione, la bellezza e la nostalgia di un mondo che è stato; figure di donne forti e coraggiose; la quotidianità della vita nella frontiera americana; i farmers e la terra del Nebraska. Una scrittura che si fa vita, ispirata da quella della stessa Cather (1873-1947).
Lo stile è raffinatissimo, la prosa è insieme concreta e cristallina, evocativa ed emotiva. Ho trovato questo piccolo libro per puro caso durante la festa patronale della mia città *__* Un vero colpo di fortuna. 



TitoloCanti d'addio
Titolo originaleSongs of Parting
AutoreWalt Whitman
CuratoreAntonio Troiano
Edizione lettaCrocetti Editorecollana Lekythos1992 pagine 78

Questo volumetto raccoglie le diciassette poesie della sezione Canti d'addio compresa in Leaves of grass; l'edizione Crocetti, molto curata, con testo a fronte, bella a vedersi e piacevole al tatto (la carta è bellissima *__*) è stata curata da Antonio Troiano. Un consiglio rivolto soprattutto agli appassionati di Walt Whitman. E un'occasione per far conoscere un piccola casa editrice indipendente molto interessante.


TitoloUna cena molto originale
Titolo originaleA Very Original Dinner
AutoreFernando Pessoa
TraduttoreAmina Di Munno
Edizione lettaMondadoricollana Oscar Piccoli Classici1995 pagine 72

Racconto breve di Pessoa non ancora ventenne. Sopraffini gourmets organizzano cene prestigiose... ma non è abbastanza XD Lamentano mancanza di idee per nuove realizzazioni gastronomiche. Qualcuno, tra loro, provvederà.
Se siete incuriositi, non cercate alcuna informazione, pena - quasi sicuramente - spoiler totale ;) Bellissimo!






Glò

31 commenti:

  1. Ho letto solo Withman. Ma al di là del valore letterario delle opere, i primi due casi mi evocano le tendenze suicide tipiche di certe piccole case editrici dell'epoca (anni '90). Quelle attuali mi sembra siano un po' più oculate da questo punto di vista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, però alcuni volumi, così belli, sono una gioia per chi ama i libri *__*
      Grazie Ivano e buona serata ^^

      Elimina
  2. Ahhh... proprio oggi dopo una visita di controllo incomincio con i miei solito ( purtroppo..e lo devo dire ) regali natalizi e inizio sempre con i libri..
    Anch'io ho letto solo Whitman come il nostro Ivano e mi sento di consigliarlo a tutti ma proprio tutti..
    Bacioni enormi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io sono entusiasta per il prossimo periodo festivo :P E, se potessi, regalerei solo libri, ma non sarebbero apprezzati dalla maggior parte delle persone cui destinarli -_-
      Whitman è un autore molto apprezzato a quanto vedo ;)
      Un abbraccio Nella, dai che le feste passano in fretta! XD

      Elimina
  3. Bel format, questo mi piace! Così stringato e così preciso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh grazie mille Nick! ^_^ Saranno contenti soprattutto due pignoli: io tendo all'anarchia più assoluta :3
      Non nascondo che scrivere un consiglio di lettura stringato ma efficace (almeno per intenzione, eh! XD) non è poi cosa immediata :P
      Ciao e buona serata ^_^

      Elimina
  4. Ciao Glò, mi ispirano i vostri consigli... Ho letto Whitman ma non questo libro. Pessoa non lo conosco. I racconti mi sono sempre piaciuti.... ok.... non ho soldi al momento ma finiscono in lista.
    Bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Pat! La lista si fa sempre più corposa :D basta leggere qua e là e si trovano un sacco di spunti!
      Il librino su Whitman è una selezione di poesie, magari le hai già nel tuo volume, ti consiglio di controllare!
      Pessoa mi sento di consigliarlo fortemente: in questo racconto è notevole e molto particolare :3
      Un grande abbraccio! ^_^

      Elimina
  5. Aaah, Withman è un bel consiglio, proprio bello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noto con grande soddisfazione che Whitman piace a tutti *__* Il che è inusuale! La poesia non è abbastanza diffusa come genere tra i lettori, secondo me.
      Grazie Massimiliano e buona serata ^^

      Elimina
    2. Amo molto la poesia, mi piacciono i poeti, forse perché così lontani da me. Il mio preferito in assoluto è Yeats.

      Elimina
    3. Io ne leggo, dai classici ai contemporanei e un posto speciale lo ha Montale :3
      Perché dici che sono lontani da te, i poeti? Per alcuni post che hai scritto non si direbbe, sai? Ok che non parliamo di metrica e composizione vera e propria, ma insomma... giochi sempre al ribasso eh!

      Elimina
    4. Hai ragione, Glò. Dico lontani da me perché spesso, aggiungerei purtroppo, non riesco a vivere la vita "con poesia", cosa che questi grandi riuscivano a fare. Come tutti mi faccio trascinare dal contingente e pratico. Eco perché dico lontani. Poi, ogni tanto, e di questo ringrazio i poeti, permetto che la mia mente venga accarezzata al punto di rilassarsi così tanto da lasciare emergere quella che qualcuno definisce anima. In merito a Montale... bè, è forse il più grande. mi hai ricordato che è una vita che non rileggo qualcosa di Xenia.

      Elimina
    5. Sei poetico per forza, tra mare, città tua e Faber (tiè, colpo bassone XD).
      Montale va riletto ogni tanto, fa benissimo *_*
      Buon weekend! ^_^

      Elimina
  6. Non ho mai letto nulla di Whitman! Lo farò, perché sono anni che sento parlar bene della sua poetica!Glò, grazie per questi suggerimenti!Mi fai sempre recuperare letture che avevo sotto il naso, ma che ignoravo...chissà perché! :-) Eh, lo so il perché: ho una lista di libri da leggere troppo lunga!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh devi eccome *_* Son quasi certa che ti piacerà e non poco. La sensazione che ho quando leggo le sue poesie è di libertà e vitalità, mi fa stare bene!
      Considera il vantaggio di avere già materiale a portata di mano per le letture XD
      Grazie mille e alla prossima ^_^

      Elimina
  7. Ahahah copioni!!! Ritengo che le idee semplici e "banali" siano le migliori, soprattutto per consigliare e comunicare le proprie impressioni in merito a determinati argomenti. Si punta l'obiettivo e si colpisce. Non rischiando di annoiare. Pessoa me lo segno. Grazie ragazzi e buona serata :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il racconto di Pessoa è da recuperare *__* Veramente carino e sorprendente!
      Sinceramente per me scrivere questo post è stato molto più complicato che redarre una mia classica analisi di una singola lettura o.O
      Grazie mille Mariella, un abbraccio ^_^

      Elimina
    2. Ma non avevi depositato l'idea, cosa che abbiamo fatto, quindi dal prossimo mese ci devi pagare i diritti (^-^). E Glò hai capito? fai post troppo lunghi che annoiano (・へ・) 

      Elimina
    3. @ Michele: è così la leggendaria correttezza tra blog e' naufragata con questo post. Addirittura mi chiedi diritti ;) e non hai nemmeno linkato il mio blog pur citandolo. Mediterò una tremenda vendetta :-)

      Elimina
    4. @Glo' e' molto più difficile preparare un post efficace essendo brevi, sono d'accordo. Ps: il menestrello pignolo mi mette in bocca cose che non ho mai pensato di te!!! Tu non annoi mai, io parlavo in generale dei rischi nei quali si può incorrere quando si vuole essere i più completi ed esaustivi possibile. Un abbraccio a te.

      Elimina
    5. Michele approfitta come al solito per prendersi gioco delle mie capacità di blogger, tzè! Che Mariella, ancora non lo conosci a sufficienza? XD
      Il nostro dietro le quinte prevede varie situazioni (anche serie eh :D), tra le quali momenti di grandioso sfottò, reciproco e amichevole ;)
      (Sull'annoiare... se ne potrebbe fare un post, questione complessa che dipende da un sacco di fattori :)
      Buona serata ^_^

      Elimina
  8. Interessanti, tutti e tre! In particolare Whitman che amo di un amore spassionato ma che ho sempre letto in varie antologie, e poi Pessoa, di cui conosco i versi ma sinceramente non la prosa... Mi piace la presentazione essenziale di tre titoli, così, dritta al punto... :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Regina! ^_^
      Whitman ha avuto un successone generale, sopra le aspettative :O Anche a te dico che questo librino di Pessoa è notevole, da avere.
      Sono molto soddisfatta anche dell'apprezzamento per questo "nuovo" tipo di post ^_^ In effetti, come dicevo anche sopra, ottenere un buon risultato, ovvero cercare di essere incisivi in poche righe per presentare un libro, non è così immediato per me o.O
      Grazie mille e a presto ^_^

      Elimina
  9. Non riesco ad aprire" rispondi" e allora replico mia cara che non passano così velocemente come vorrei...
    Bacionissimo serale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai che una prima fase è già passata XD
      Ciao Nella, un caro abbraccio ^^

      Elimina
  10. Conosco Whitman per averlo letto negli anni in cui scrivevo la mia tesi sui nativi americani. Lessi questo meraviglioso poeta e me ne innamorai. Ma possono le traduzioni rendere realmente il senso di quella poesia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà che meraviglia la tua tesi :O E ben felice che anche tu apprezzi Whitman *__*
      Il discorso delle traduzioni, soprattutto per la poesia ma a ben vedere anche per la prosa stessa, è assai interessante. Per me, potendo (cioè conoscendo la lingua in questione) sarebbe opportuno leggere in originale, vero è che ci sono talvolta traduzioni superbe. Ma si tratta pur sempre di un ulteriore passaggio, quindi sì, a mio avviso, qualcosa si perde sempre (e magari altro si guadagna, se il traduttore è ottimo). Sarebbe da parlarne a lungo!
      Grazie mille Luz, a presto ^_^

      Elimina
  11. Io di Whitman conosco "O capitano, mio capitano" e "Io canto il corpo elettrico!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono bellissime entrambe :D Mi sorprende che tra i tre autori l'attenzione sia concentrata quasi esclusivamente su Whitman, passi per la Cather che è semisconosciuta, ma Pessoa :O!
      Tornando a Whitman, io ho la raccolta sempre a portata di mano: ogni tanto rileggo alcune poesie. Del resto è quel che faccio con tutti i poeti che preferisco.
      Grazie Marco ^^

      Elimina