lunedì 15 febbraio 2016

Segnalazione: "Il Gergo delle noci" di Daniela Alvisi


Titolo: Il Gergo delle noci
Autore: Daniela Alvisi
Illustrazione di copertina: AkiMao (Marta Longhini)
Genere: Fantasy - Action
Editore: LaPiccolaVolante collana: Fantasy LaPiccolaVolante
Pubblicazione: 2016
Pagine: 272
Versione cartacea: 14,00 (LaPiccolaVolante)
Versione digitale: 4,00 (LaPiccolaVolante)


Il Gergo delle noci è ultima novità editoriale della collana Fantasy de LaPiccolaVolante. Un racconto magico, le avventure di un ragazzo che la vita trasforma in un cacciatore di limiti.

“I silmehej sono creature leggendarie; probabilmente non esistono, ma a molti piace credere di averne incontrato almeno uno nella propria vita..”

Sinossi
Gergo è cresciuto in una piccola casa sul limitare della foresta insieme a Christine e i suoi fratelli; è così che si chiamano tra di loro anche se a legarli non c’è un reale vincolo di parentela. Le uniche visite sono quelle della bionda signora della Contea, misteriosa amica di Christine, e di Messer Gatto, un felino che secondo Gergo porterebbe solo iatture a ogni sua comparsa. Tutto cambia il giorno in cui il giovane Gergo ascolta per caso una conversazione fra Christine e la signora, e viene così a scoprire un terribile segreto che lo riguarda in prima persona. La sua reazione è furiosa e incontrollata e lo porta ad abbandonare la casa, lasciando Christine nello sgomento. In quel momento diventa un cacciatore di limiti.

“Vai al diavolo, Christine! Quello che non vuoi dirmi lo scoprirò da solo. Resta nel tuo mondo di limiti! Sai che farò, io? Li sfiderò uno a uno. Sarò il cacciatore di limiti, li oltrepasserò tutti e vivrò nutrendomi di quegli attimi. Il primo l’ho appena superato. Eri mia sorella. Ora niente è più vero. Addio!”

Dopo la fuga, dovrà affrontare molte prove e il passato tornerà a galla sotto forma di demoni e oscuri personaggi. Da solo dovrà scoprire lo spietato e pericoloso passato da cui Christine ha cercato di proteggerlo fino a quel momento, arrivando fino alla Grande Contea dei temibili Grai. L’unico suo bagaglio è l’inseparabile guscio di noce che porta con sé fin dalla culla; su di esso è inciso uno strano simbolo, il caltrop a cui sono legati la sua origine e il suo destino. A quella noce se ne uniranno altre, in un rigoroso rituale: “Una per ogni limite superato e mezza per quello ancora da superare.”

A vegliare sui di lui c’è Nargul, voce senza corpo che arriva sempre nei momenti di pericolo imminente per suggerirgli cosa fare, e un vecchio mago che si troverà lungo la sua strada al momento giusto. Nella sua grotta Gergo verrà a conoscenza delle incredibili leggende sui silmehej, le “anime incerte” in bilico sul confine fra l’umano e l’immortale. Incerte come i passi che lo condurranno al gran finale.

“Nel linguaggio del bosco, silmehej significa anima incerta, ed è proprio questa la loro natura. Nascono dagli umani e hanno, a loro volta, sembianze umane, ma in certe situazioni possono cambiare aspetto. Di solito assumono quello di un animale, ma non sono loro a scegliere in cosa trasformarsi…”

Un libro in cui si fondono vendetta e magia, una storia che porterà il lettore a scoprire realtà parallele in cui strane creature muovono i fili della storia e portano a compimento grandiosi destini.

Daniela Alvisi
È nata nel 1972 a Savignano sul Rubicone, in Romagna, fra la pianura e i primi rilievi degli Appennini, ma anche a due passi dal mare: una terra a metà di tutto, dove può accadere qualunque cosa e quel che non accade si può immaginare. Per forza si finisce a scrivere storie, anche se poi la vita e la curiosità ti portano altrove, per esempio a studiare Fisica. Oggi Daniela racconta la scienza sulla carta, con i suoi libri di divulgazione, e in classe con il suo lavoro di insegnante, ma continua a percorrere in lungo e in largo le strane traiettorie della sua e dell'altrui mente, piene di personaggi che sembrano appena usciti dalle pagine di un libro… o pronti per entrarci! Così prende vita Il Gergo delle noci, il suo primo esperimento non scientifico, nato dall'operoso laboratorio di narrazione fantasy di LaPiccolaVolante.

la nostra Libreria

27 commenti:

  1. Mi affascina il concetto delle anime incerte, se l'autrice è riuscita a farlo vivere tra le pagine, allora deve essere una gran bella lettura. Curiosa. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentina! ^_^ La sinossi di questo libro è molto stuzzicante! Le "anime incerte" sembrano richiamare antichi miti! *__*
      Grazie mille e a presto, un abbraccio ^_^

      Elimina
  2. Complimenti all'autrice per questa sua opera.
    Serena giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cavaliere, mi unisco ai complimenti: a noi è sembrato un romanzo assai interessante e originale!
      Grazie mille e buonanotte :D

      Elimina
  3. Questo fantasy ha qualcosa di strano e misterioso che attrae molto..Devo farci una bella pensata..
    Bacioni mia cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Nella, anche a me ha fatto lo stesso effetto: molta curiosità quindi *_*
      Ricambio e aggiungo un abbraccio ^_^ A presto!

      Elimina
    2. Abbraccissimo e bacissimo per te Glo'!

      Elimina
  4. Pur non amando il genere, devo dire che incuriosisce. Bella proposta editoriale, bravi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Massimiliano! Grazie, fa sempre piacere sapere che l'impegno verso piccole realtà editoriale interessa anche voi che passate! ^_^
      Buona serata e a presto!

      Elimina
    2. Belin, io devo solo dire grazie alle piccole realtà editoriali, sono le uniche che rischiano.

      Elimina
  5. Credo sia davvero una bella lettura! Incuriosisce davvero la vostra proposta.
    Grazie per la segnalazione.
    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te! Noi ci proviamo a proporre autori poco noti che sembrano assai interessanti.
      Un abbraccio ^_^

      Elimina
  6. PS: ma il megacapopresidente???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mariella, ti sarai accorta che il nostro freelancer PiGreco è sparito da un bel po'... Ho saputo solo di recente il grande raggiro perpetrato alle mie spalle: in sostanza il MegaCapoPresidente ha ripulito i conti del nostro (suo, perbacco, suo -_-) floridissimo Blog e ha incaricato il suddetto di recarsi alle Fiji per "sistemare" tutto. Inutile dire che io son rinchiusa nel capannone, blindato e sorvegliato da due mastini ferocissimi :P

      Oppure...
      Ho rovesciato il governo, hackerato account e preso il Comando del blog, tiè! ^_^
      (P.S.: Michele ha problemi tecnici col Pc, o forse è il Pc stesso che, schiavizzato, s'è stancato :P Dunque deve provvedere a effettuare una bella serie di operazioni! PiGreco ha la "vita" :D, un po' di pazienza e torneranno!!!
      ... Torneranno :P)
      Ciao un abbraccio XD

      Elimina
    2. Ahahah una scena da thriller!!! Dai Mecacapopresidente, vieni fuori dal tunnel hardware, altrimenti penseremo che alle Fiji in realtà ci sei andato tu! :))))

      Elimina
  7. Non so perché ma i silmehej mi hanno ricordato Uyulala de La storia infinita. Purtroppo per ora ho davvero troppo cose da leggere, considerando che ho già segnalato alla mia ragazza La Torre delle Ombre a tredici euro ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Blognauta, "purtroppo" qui troverai spesso tentativi di corruzione per nuove letture XD Quelle liste di propositi di fanno infinite! :D
      Grazie e a presto ^_^

      Elimina
  8. la sinossi mi sembra davvero stuzzicante, un bel fantasy inconsueto e dalle tinte italiche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nick! Molto contenta che questa segnalazione ti abbia incuriosito! A noi la CE sta assai simpatica (per politica e correttezza) e ci fa piacere sostenerla nel nostro piccolissimo.
      Buna serata e a presto! ^_^

      Elimina
  9. Una piccola casa sul limitare della foresta? Come cappuccetto Rosso? ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sai che la casa sul limitare della foresta, rappresenta il luogo sicuro da cui si parte per "fare l'impresa" e che il bosco/foresta rappresenta - forse - l'inconscio e dunque il tutto potrebbe essere una metafora della crescita e blà blà blà... XD
      Sì, come Cappuccetto... magari lei e il Gergo son compagni di merende (e qui, prudentemente, mi fermo ^_^)!
      Grazie mille :D a presto e buona serata ^^

      Elimina
    2. Di più: è una favola contro la pedofilia, rappresentata dal lupo. Infatti il cappuccetto è di colore rosso, che rappresenta l'adolescenza femminile. Se ti interessa un'analisi sociopsicologica di alcune fiabe posso consigliarti un libriccino in merito.

      Elimina
    3. Consiglia, consiglia! *__*
      Grazie Marco, sempre prezioso!

      Elimina
    4. http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/saggistica/103069/le-fiabe-raccontate-agli-adulti/

      Elimina
  10. Chissà se si è ispirata al folklore di qualche luogo o ha creato queste leggende lei.
    A volte anche i Fisici sorprendono. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti sarebbe interessante conoscere qualche aspetto "tecnico" relativo alla nascita di questo romanzo! Direi che i Fisici sorprendono quasi sempre :P almeno me, che son abbstanza ignorante in merito alla disciplina.
      Ciao e grazie mille ^_^

      Elimina