giovedì 31 marzo 2016

Libro: "Don Casmurro" di Joaquim Maria Machado de Assis




Titolo: Don Casmurro
Autore: Joaquim Maria Machado de Assis
Traduttori: Gianluca Manzi e Léa Nachbin
Edizione letta: Fazi Editore collana Le strade, 2014 pagine 288 

Non sono una grande esperta di letteratura sudamericana, finora ho amato moltissimo alcuni scrittori e libri, con altri (uno su tutti García Márquez) non riesco a trovare una chiave di volta. Ma persevero, ché è diabolico, dunque assai più interessante che abbandonare la partita :D
In questo caso la scelta del libro in questione è stata supportata dall'ottima opinione che ho da sempre della casa editrice, Fazi, uno dei fari luminosi nelle tenebre dell'editoria nostrana. Non sono mancate indagini preliminari per cercare di capire se fosse il caso di imbattermi in un autore del quale non sapevo nulla. Ad ora, non solo sono rimasta folgorata da Machado de Assis, ma credo sia uno scrittore da conoscere assolutamente. Tenendo presente che le opere tradotte in italiano sono vergognosamente poche.
Machado de Assis  ritratto da Henrique Bernardellic. 1905

La sua biografia ci permette di comprendere più a fondo la sua scrittura:

Nonostante sia poco apprezzato come poeta, è considerato uno dei maggiori scrittori in prosa della letteratura brasiliana e uno dei maggiori della letteratura universale di tutti i tempi.
Nacque a Rio de Janeiro, in un famiglia di meticci di umili origini. Sia le sue precarie condizioni di salute, causate da una tormentosa epilessia, sia i drammi familiari, come la morte precoce della madre e della sorella lo indussero verso un morboso pessimismo, a mala pena mitigato dal successo dei suoi lavori letterari e da una felice vita coniugale.
Fin da adolescente fu obbligato a praticare umili mestieri, che non gli impedirono di proseguire i suoi studi e le sue letture.
Svolse, tra le altre, l'attività di tipografo, correttore di bozze, redattore, e infine critico letterario del giornale Diario do Rio de Janeiro. Si rinchiuse in sé stesso sin da ragazzo, a causa della timidezza e delle seconde nozze del padre e indirizzò le prime angosce e il suo temperamento sentimentale nei versi e nelle commedie.

Don Casmurro è un uomo maturo che ripercorre la sua vita, quella felice, prima di diventare appunto casmurro:

Incipit:
Una sera, tornando dal centro verso Engenho Novo, incontrai sul treno della Central un giovane del quartiere che conoscevo appena di vista e, come dire, di cappello. Mi salutò, si sedette vicino a me, parlò della luna e dei politici, e finì col recitarmi poesie. Il tragitto era breve, e forse i versi non erano del tutto cattivi. Accadde, però, che, essendo stanco, chiusi gli occhi tre o quattro volte; questo bastò perché egli interrompesse la lettura e si rimettesse i versi in tasca.
«Continui», gli dissi svegliandomi.
«Ho già finito», mormorò.
«Sono molto belli».
Vidi che stava per tirarli di nuovo fuori dalla tasca, ma si limitò a fare il gesto; era seccato. Il giorno seguente cominciò a ingiuriarmi, e finì con l’affibbiarmi il nomignolo di “Don Casmurro”. I vicini, ai quali non piace il mio fare riservato e taciturno, misero in giro questo soprannome che alla fine mi rimase appiccicato. Neppure per questo mi offesi. Raccontai l’aneddoto agli amici che ho in centro, e anche loro, per scherzo, ora mi chiamano così, alcuni persino per iscritto: «Don Casmurro, domenica vengo a pranzo da te»; «Vado a Petrópolis, Don Casmurro; la casa è come quella che avevo in Renania; deciditi a lasciare una buona volta quella caverna di Engenho Novo e vieni a passare una quindicina di giorni da me»; «Mio caro Don Casmurro, non credere che io ti permetta di rinunciare allo spettacolo di domani; vieni pure, dormirai qui in centro; ti offro il palco, ti offro il tè, ti offro il letto; l’unica cosa che non ti offro è una donna». Non consultate i dizionari. “Casmurro” non va qui preso nel senso che vi è riportato, bensì in quello, datogli dal volgo, di uomo taciturno e chiuso in se stesso. “Don” è stato aggiunto ironicamente, per darmi un’aria da aristocratico. E tutto questo perché sonnecchiavo! Anch’io non ho trovato un titolo migliore per il mio racconto; se non ne troverò un altro prima della fine del libro, vada per questo. Il mio poeta del treno saprà che non gli serbo rancore. E con un piccolo sforzo, poiché il titolo è suo, potrà ritenere che anche l’opera è sua. Ci sono libri che conservano del loro autore soltanto questo, alcuni nemmeno questo.

Il protagonista ci racconta, in un lungo monologo in prima persona e mediante l'utilizzo dell'espediente del flashback, appellandosi talvolta a "una lettrice" ideale (o magari funzionale all'umorismo di Machado?), gli anni dell'infanzia e quelli dell'adolescenza, concentrandosi sulla preparazione, fin dalla più tenera età, all'obbligata entrata in seminario in seguito a un voto della madre, la bellissima (e vedova) Dona Glória.

Tra i giochi d'infanzia, con l'amica e vicina di casa Capitu (Capitolina), dagli occhi sfuggenti, c'è la messa: insomma una sorta di morbido lavaggio del cervello o accettazione rassegnata del proprio destino, fate voi!


A casa giocavo a dire messa, un po’ furtivamente, poiché mia madre diceva che la messa non era cosa su cui scherzare. Preparavamo un altare, Capitu e io. Lei faceva da sacrestano e cambiavamo il rituale, nel senso che dividevamo l’ostia fra di noi; ostia che era sempre un dolce. Nei tempi in cui giocavamo in quel modo, era facile sentir dire dalla mia vicina: «Oggi c’è la messa?». Sapevo già cosa questo volesse dire, rispondevo affermativamente e andavo a chiedere l’ostia col suo vero nome. Tornavo con quella, preparavamo l’altare, biascicavamo qualche parola di latino e affrettavamo la cerimonia. Dominus, non sum dignus... Questa invocazione, che avrei dovuto ripetere tre volte, penso che la dicessi una sola, tale era la golosità del prete e del sacrestano. Non bevevamo né vino né acqua; il primo perché non lo avevamo, la seconda perché ci avrebbe tolto il gusto del sacrificio.

Ben presto, però, arriva l'età dell'adolescenza, con i suoi turbamenti e l'amore: Bentinho (il futuro casmurro) non ci sta più a giocare "alla messa". Bisogna fare qualcosa per cambiare la propria storia, fino ad allora segnata da certa carriera ecclesiastica.

Mi diressi verso di lei; evidentemente il mio modo di fare era diverso dal solito, giacché mi venne incontro, e mi domandò inquieta:
«Che cos’hai?».
«Io? Niente».
«No, no; hai qualche cosa».
Volli insistere che non avevo nulla, ma non trovai parole. Ero tutt’occhi e cuore, un cuore che davvero questa volta stava per scoppiare. Non riuscivo a staccar gli occhi da quella creatura di quattordici anni, alta, forte e in carne, stretta in un vestito di cotone, mezzo stinto. I capelli folti, divisi in due trecce, con le punte legate l’una all’altra, secondo la moda del tempo, le scendevano giù per le spalle. Bruna, occhi chiari e grandi, naso diritto e lungo, aveva la bocca sottile e il mento largo. Le mani, per quanto sottoposte a lavori umili, erano curate con amore; non odoravano di fini saponi né di profumi, ma con acqua di pozzo e sapone comune le rendeva immacolate. Portava scarpe di panno, vecchie e senza tacco, alle quali lei stessa aveva dato qualche punto.
«Ma che cos’hai?», ripeté. «Non è nulla», balbettai finalmente.

Ecco, al clou della vicenda taccio e, compostamente, mi metto a blaterale di altre questioni :D

Nonostante la storia della vita di Bentinho sia l'elemento portante, Machado è talmente sublime da inserire riflessioni filosofiche, religiose e sulla natura umana, giocando con un umorismo trascinante ed intelligente.
Al meraviglioso personaggio di Marcolini, vecchio tenore italiano, Machado affida un'incredibile storia della creazione (assai convincente pure oggi), cui dedica uno dei brevi capitoli in cui è suddiviso il romanzo e del quale segue qui la parte iniziale:

E, dopo aver bevuto un sorso di liquore, posò il bicchierino e mi espose la storia della creazione, con parole che riassumerò. Dio è il poeta. La musica è di Satana, giovane maestro di grande avvenire, che studiò nel conservatorio del cielo. Rivale di Michele, di Raffaele e di Gabriele, non tollerava che avessero la precedenza nella distribuzione dei premi. Può anche darsi che la musica troppo dolce e mistica degli altri condiscepoli fosse noiosa per il suo genio essenzialmente tragico. Tramò una ribellione che fu scoperta in tempo, ed egli fu espulso dal conservatorio. Tutto sarebbe finito così, se Dio non avesse scritto un libretto d’opera di cui non si interessò, ritenendo che quel genere di passatempo non fosse degno della sua eternità. Satana portò il manoscritto con sé all’inferno. Per dimostrare che valeva più degli altri – e forse per riconciliarsi con il cielo – compose la partitura e, appena l’ebbe finita, la portò al Padreterno.

Il romanzo, uscito nel 1900, è anche un ritratto dell'élite della Rio de Janeiro del Secondo Impero: progressista e liberale da un lato, patriarcale e autoritaria dall'altro (Roberto Schwarz). E, per concludere, è anche un'analisi dell'incomunicabilità e della dissimulazione tra le persone, che conduce il protagonista Bento a una vecchiaia solitaria, se non, addirittura, alla follia.
Per finire, accenno al fatto che questo Don Casmurro viene paragonato, per citazione stessa fatta da Machado nel corso della narrazione, a un personaggio di una tragedia shakespeariana: non solo non dico quale sia, ma vi consiglio, se intenzionati a leggere il romanzo, di non fare alcuna ricerca a riguardo.
Questa informazione "condiziona" l'interpretazione stessa della vicenda raccontata, che si svela poco alla volta e che continua a sorprenderci anche dopo il nostro congedo da Bentinho!


Giudizio finale: il mio tesssoro


Glò

30 commenti:

  1. Interessante, come consigli tu non farò ricerche sulle similitudini con il personaggio di shakespeariano, anche se mi sono fatto una mezza idea. Devo dire che leggendo l'incipit mi sono ritrovato a pensare a una sorta di antefatto della vicenda del personaggio de "la patente", per come nascono nomee, soprannomi, attribuzioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E però son curiosa :D A quale personaggio hai pensato? Per altro c'è proprio un capitolo intitolato come la tragedia eh!
      Grazie Massimiliano ^_^

      Elimina
    2. Alla fine sono andato a vedere, ninte ho piggiou na cantunà, pensavu atru.

      Elimina
    3. Non hai resistito :O Nuooooo! XD
      Guarda che è un grande libro! Non ci si aspetta nulla... e il finale è veramente spiazzante.

      Elimina
    4. No, no, la cantonata cui mi riferisco è legata al fatto che pensavo ad un altra opera di Guglielmo. Il libro mi sembra interessante.

      Elimina
    5. Voleva essere un incentivo ulteriore alla lettura :D Però ti sei autospoilerato -_- non si fa!
      Buona serata ^_^

      Elimina
  2. Conosco della letteratura sudamericana la Allende, che ho adorato, e nei miei altri approdi in romanzi più o meno noti di questo filone, vi ho trovato caratteristiche consuete, quella speciale "magia" narrativa.
    Chi sarà mai questo personaggio shakespeareano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo di aver letto troppi pochi autori sudamericani per poter confermare o meno la presenza della magia anche in questo romanzo, che forse si discosta un poco da quella linea, mi pare più "realistico".
      Per il resto posso solo gridare: tragediaaaa! XD
      Grazie mille Luz e a presto, ciao! ^_^

      Elimina
  3. CCiao Glò, io adoro la letteratura sudamericana, in primis Marquez :)
    E' unica nel suo genere, credo. Un modo di descrivere e narrare completamente diverso dal nostro. Compllice anche la vita totalmente diversa?
    Non so dirti quali attineneze abbia con shakespeare che conosco pochissimo, però credo sia un libro molto nelle mie corde.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pat!!! Penso che tu abbia ragione, anche se non ho mai approfondito in maniera seria la questione. Gli sviluppi di ciascuna letteratura, prendendo in considerazione le aree geografiche, sono per forza di cose legati a società, storia, isolamento o contatti con altre culture. Da poco tempo mi sono resa conto che forse anni fa ho sbagliato approccio con i sudamericani. Magari ero troppo giovane e la testa cercava delle "cose" che non potevo trovare là. E mi riferisco a questioni tecniche, non tanto alle storie narrate.
      In questo caso Shakespeare è proprio tirato in ballo dall'autore ;)
      Grazie mille cara Pat! ^_^

      Elimina
    2. Esatto! D'altronde se non si parla di ciò che si conosce si scrivono scemate :)))
      Hai provato con Jorge Amado? E' uno dei miei amori immensi! ahahahahah

      Elimina
    3. Non ancora, ma lo leggerò *__* Vorrei dedicarmi ai sudamericani con una certa costanza, spero di mantenere il proposito!

      Elimina
  4. Spagna e Sud America mi attirano poco culturalmente, apprezzai anche io alcune cose di Marquez (molto bello Cent'anni di solitudine) ma le mie scelte poi si orientano sempre verso altre culture, c'è poco feeling...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fino a pochi anni fa avrei potuto scrivere lo stesso commento, anzi... Cent'anni rimane una delle mie due bestie nere (con Quer pasticciaccio :D) quindi per adesso sto ancora compiendo un percorso, spero verso il superamento di un mio limite/pregiudizio, che non mi ha consentito di cercare e poi leggere i libri "giusti".
      Per quantità, leggo soprattutto inglesi e americani :P
      Grazie mille a risentirci ^_^

      Elimina
  5. Stavolta passo senza problemi... ho deciso di non leggere più nulla di sudamericano. Come la Firma qui sopra non ho feeling, e anche con le persone di quella parte di mondo, e ne ho conosciute molte nella mia vita, ho sempre finito per entrare in conflitto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh i gusti personali sono insindacabili, soprattutto quando la decisione è netta!
      Sulle persone invece dico la mia: io entro in conflitto a % (molto alta) fa nulla il resto, ovvero provenienza, cultura, religione, fede politica! Ahahahahah!

      Elimina
  6. Non conosco perfettamente questo autore e sinceramente non sono molti i libri sud americani.
    Vicenda intrigante al punto giusto e penso abbia preso anche spunto dall'Otello del nostro grande..o sbaglio...dimmi tu!
    Buona notte e bacio dolcezza mia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Nella... non posso fare spoiler XD Ma è vero che la vicenda si fa via via sempre più appassionante! ;)
      Buonanotte a te, un abbraccione ^_^

      Elimina
  7. Io invece, contrariamente a La Firma e ad Ivano apprezzo molto la letteratura Sud americana, quindi questo libro m'intriga parecchio anzichenò. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ne sono molto contenta! :3 Per me è stata una grande lettura, un bel viaggio in altri tempi e anche nella mente del protagonista :P
      Grazie Nick! Buonanotte ^^

      Elimina
  8. Ho smesso di leggere sudamericani secoli fa, dopo aver fatto indigestione di Marquez e Allende. Da come ne parli sono però sicuro che questo è bellissimo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo è! È considerato un imprescindibile capolavoro della letteratura brasiliana e anche un precursore del moderno romanzo psicologico ;) Sono stata molto vaga nel post, come spesso faccio del resto, perché a volte attribuire troppo a un libro non gli fa un favore :P Però senza dubbio è da leggere prima o poi! Tenendo conto che si tratta di un monologo del protagonista che racconta attraverso flashback la sua vita... o la sua verità, il lettore entra in una dimensione molto particolare, che corrisponde alla mente, alla memoria di Bento, con tutto quel che ne può conseguire :D
      Grazie TOM e a presto ^_^

      Elimina
  9. Mai letto nulla di lui. Ma la letteratura sudamericana è la mia passione.
    Annoto autore e titolo. Entra a pieno titolo nella mia wish list.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh son quasi certa che ti piacerà e tanto! ^_^ Contenta di aver suggerito "bene" ;)
      Un abbraccio a te Mariella e a presto!

      Elimina
  10. Ma che bella presentazione, invoglia davvero alla lettura. La storia della Creazione e di Satana è irresistibile.

    Di letteratura sudamericana ho letto quasi tutto Marquez, molto di Allende e un romanzo di Mario Vargas Llosa, "Avventure di una ragazza cattiva". Avevo provato a leggere Amado, ma non mi piaceva per niente.

    E' comunque bello accostarsi alle letterature degli altri continenti, si rimane sorpresi per le differenze anche marcate tra le culture. E poi, come al solito, si viaggia da seduti. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina! ^^ La parte relativa alla Creazione è ben sviluppata e per motivi ovvi ho dovuto pubblicarne un solo piccolo capoverso!!! Solo quel capitoletto meriterebbe un post :D
      Avrei pensato nei prossimi mesi di recuperare alcuni autori mai letti: spero di riuscire a mantenere il proposito :P
      E sì, anche per me la curiosità è uno sprone molto convincente verso letterature meno "frequentate" e più distanti dalla nostra!
      Grazie mille e a presto ^_^

      Elimina
  11. Tolti un paio di autori, e Marcella Serrano che AMO, direi che questo genere mi attira ancora poco. Però i sudamericani mi piacciono sempre, li conosco così poco eppure non mi deludono mai. Ehmmm, ok. Mi sono capita da sola. XD Questo libro non lo avrei mai preso soffermandomi sul titolo e sulla copertina. Ma dopo aver letto la tua recensione qualcosa è cambiato. Tanto per citare un film. XD
    Bacio :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La copertina sinceramente non è un granché XD E potrebbe essere un deterrente all'acquisto del libro :D Per altro, io mi son convinta che "sia" il ritratto della madre di Bento, dunque scelta comunque discutibile...
      Nonostante questo limite, se ancora non si fosse capito: lo stra-consiglio *__*
      Grazie Valentina e un abbraccione ^^

      Elimina
  12. Di sudamericano l'unica cosa che abbia letto è Sepulveda. Però c'è una coppia di miei amici che al gruppo di lettura ci legge sempre qualcosa della autrici cilene come la Allende, la Serrano e la Parra, così un po' ho cominciato a conoscerla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono una grande conoscitrice dei sudamericani, come ho già scritto: probabilmente la mancata empatia con García Márquez, mi ha dissuaso, per molto tempo, a tentare altre letture. Pure io ho letto e apprezzato qualcosa di Sepúlveda - Patagonia Express, Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare, Diario di un killer sentimentale. Vorrei procedere con altri autori, tra i quali Serrano, Bolaño, Borges, Amado... -_- e tanti altri :D
      Grazie e a presto, ciao Marco! ^_^

      Elimina