giovedì 24 marzo 2016

Segnalazione: "Campo di Concentramento Senza Lacrime" di Sergio L. Duma



TitoloCampo di Concentramento Senza Lacrime
Autore: Sergio L. Duma
Editore: Panesi Edizioni
Pubblicazione: marzo 2016
Pagine: 304
Versione digitale: 2,99 € (Panesi Edizioni ibs Amazon)

Sinossi
Monteneve è un posto tranquillo come tanti altri. Tutto cambia quando viene trovata una ragazza in stato confusionale, orribilmente torturata: si tratta di Debora, già nota in paese per la partecipazione a un reality show. In un attimo la voce si sparge: in paese è arrivato il male. La memoria di tutti torna così ad anni addietro, quando una bambina era stata trovata morta in un bosco e l’assassino non era mai stato scoperto. C’è quindi un maniaco a Monteneve? Oppure qualcosa di ancora peggiore? Se lo domandano in molti: Silvio, aspirante sceneggiatore che sta passando un periodo di depressione; la moglie, un’insegnante attratta da un alunno, Vittorio, adolescente indisciplinato a sua volta attratto da lei; la sorella di Vittorio, Gloria, e il fratello maggiore Saverio, nonché Laura, una ragazza che frequenta quest’ultimo. A complicare la situazione c’è la Psychic Inc., una strana società americana che ha deciso di aprire una filiale a Monteneve per motivi misteriosi. Perché i protagonisti si sentono continuamente osservati? Che cosa sta succedendo? La soluzione si trova in un’espressione coniata da Aldous Huxley: “Campo di Concentramento Senza Lacrime”. Quando le vittime ne comprenderanno il senso, nulla sarà più come prima.


Sergio L. Duma
È nato e vive a Galatina (Lecce). Si occupa di Letteratura Inglese e Americana e si ritiene influenzato dalla corrente letteraria Avant-Pop. Ha pubblicato racconti per Besa Editore, Coniglio Editore, Giulio Perrone Editore, EF Edizioni, il romanzo Tempi Terribili (Libro Aperto International Publishing, 2012), la raccolta di racconti Il Mondo dei Sogni (Teomedia, 2014), i romanzi Isteria.Com (Inspired Digital Publishing, 2015), Scorpio Baby Rose (Eretica Edizioni, 2015) e la raccolta di racconti I Libri degli Incubi (Teomedia, 2015).



la nostra Libreria

24 commenti:

  1. Avete anche in programma di recensirlo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Ivano, sapessi quanti programmi abbiamo! XD Non nascondo che l'intenzione c'è, magari non proprio nell'immediato, ma chissà ;)
      Buona serata ^_^

      Elimina
  2. Mamma mia, è un macina sassi Sergio L. Duma, produce alla grande. Bravo. Bravi voi per le segnalazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ha un sacco di progetti, Sergio ^_^ Questo titolo promette benissimo, mi ispiraaaa *__*
      Grazie Massimiliano!

      Elimina
  3. A proposito di campi di concentramento, ho letto Acido Solforico. Devo però dire che mi aspettavo di più: l'ho trovato un po' carente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh mi dispiace! A me è piaciuto molto, mi è sembrato sviluppare adeguatamente la tematica della tv spazzatura con intento di appiattimento culturale :P Che cosa non ti ha convinto?

      Elimina
    2. Secondo me (ma è un'opinione personale) non sono state sviluppate a sufficienza l'altra parte, cioè la massa che osservava dalla TV. Era appena accennato, mentre per completezza era un aspetto che avrebbe alzato maggiormente la qualità delle tematiche portate avanti dall'autrice.
      Inoltre il personaggio della carceriera non mi ha convinto fino in fondo.

      Elimina
    3. Certamente, si tratta sempre di opinioni personali! Grazie Marco ^_^

      Elimina
  4. sergio l. duma25 marzo 2016 17:25

    Grazie della segnalazione e Buona Pasqua a tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che per noi è un vero piacere! Questo tuo nuovo libro mi incuriosisce assai: mi pare, dalla sinossi, che ci sia spazio per molte tematiche *__*
      Ricambio gli Auguri a nome di tutto il team ^_^

      Elimina
  5. Direi che Duma è ormai uno di quegli autori di cui fidarsi a occhi chiusi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao TOM! Tifiamo tutti Duma :D Finora ci ha stupito positivamente e immagino che ci regalerà belle cose anche in futuro *_*
      Grazie e a presto ^_^

      Elimina
  6. Estremamente intrigante questo libro, ho già segnato il titolo..forse perchè mi piacciono i gialli..chissà, ma mi sa di tanto diverso dal solito..
    Ottima segnalazione..e finalmente le vacanze sono terminate! ..mancano poche ore..e poi ..solita vita di sempre , come oggi d'altronde!!!
    Bacissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nella! Penso che questo libro potrebbe sorprenderti e parecchio :D Sicuramente non è il solito giallo ;)
      Evviva la normale routine, feste ormai passate e procediamo alla grande!!!
      Un grande abbraccio e grazie ^_^

      Elimina
  7. Quante belle letture proponete nel vostro blog. Direi che c'è solo l'imbarazzo della scelta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cristina, fa piacere sapere che si è apprezzati!
      Come avrai notato, abbiamo due tipologie di post per ciò che riguarda i libri: semplici segnalazioni (siamo incuriositi da un libro o un autore e li proponiamo) e riflessioni varie su libri da noi letti.
      Buona serata e alla prossima ^^

      Elimina
  8. Ciao, arrivo qui dal blog dell'Alligatore.
    Non conosco ancora Duma, ma in ogni caso direi che (come sosteneva Bianciardi ne "Il lavoro culturale") in provincia o comunque nei piccoli centri, certe trasformazioni sociali e culturali si notano meglio.
    Certo, anche per una questione di minori distanze, non solo geografiche, ma anche per una distanza tra le classi e le culture, che sono magari maggiori... ma che paradossalmente, pone certe dinamiche più vicine, benchè le contrapponga in modo più radicale.
    Cercando di semplificare: in una piccola città, la distanza geografica tra il centro e la periferia è per sua stessa natura molto ridotta; altrettanto dicasi per la distanza tra le classi.
    Da qui, la possibilità di studiare certi rapporti e contrasti, quel che avviene davvero "sul campo", per così dire in diretta.
    Dati postumi influenzali non aggiungo altro: finirei per essere ancora più confuso.
    Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuto!
      È molto interessante quello che hai scritto e, vivendo in una provincia molto "depressa" XD, mi pare tu abbia colto un tratto assai significativo della realtà locale :P E forse questi "cortocircuiti" possono fornire lo stimolo, ad alcuni, per "vedere oltre".
      Ti ringrazio per il passaggio e a rileggerci ^^ Buona serata!

      Elimina
  9. Adesso aspetto la recensione.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai che forse (creo un po' di suspense) la facciamo ^_^
      Grazie Mariella, un super abbraccio a te!

      Elimina
  10. Il vostro blog è un punto di riferimento letterario.
    Serena giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cavaliere! Sei troppo buono! Cerchiamo di fare del nostro meglio e speriamo di proporre letture stimolanti e curiose.
      Grazie mille e a presto ^_^

      Elimina
  11. Arrivo in ritardo, ma volevo unirmi al coro dei complimenti per le vostre sempre puntuali segnalazioni letterarie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nick! Nessun ritardo: anche io con il periodo delle festività appena trascorse ho rallentato il ritmo!
      Grazie mille per l'apprezzamento ^_^

      Elimina