martedì 8 novembre 2016

Libro: "Il Settimino" di Fabrizio Borgio


Titolo: Il Settimino
Autore: Fabrizio Borgio
Edizione letta: Acheron Books, 2016 pagine 316
Versione cartacea: € 12,76 (Acheron Books)
Versione digitale: sui principali stores (epub, kindle)

"Succede che due blogger, distanti centinaia di chilometri, inizino la lettura dello stesso libro, lo stesso giorno e quasi alla stessa ora. Nessun accordo, nessun patto. Due eventi che avvengono in contemporanea e connessi tra loro. Se non fossero casuali si potrebbe parlare di sincronicità, e se il romanzo non parlasse di fenomeni paranormali, invocheremmo il caso. Così fosse, Glò e il sottoscritto (Diego) avrebbero volentieri evitato il profondo brivido di ghiaccio che li ha colti (contemporaneamente?) quando hanno scoperto d'essere stati coinvolti in questa strana coincidenza.
Per questo motivo e per completare il cerchio sincronico, abbiamo pensato di pubblicare in contemporanea le impressioni derivate dalla lettura de Il Settimino di Fabrizio Borgio."

Una bellissima introduzione a questo post, dedicato a Il Settimino, scritta da Diego del blog Silverfish Imperetrix: QUI trovate la sua recensione!
Questi, a mio parere, sono gli aspetti belli che danno un senso in più alla blogosfera, che non dovrebbe essere un mondo autoreferenziale e che spesso, infatti, riserva spazi di vero scambio.

Mi ero già fatta un'idea di Fabrizio Borgio, autore de Il Settimino, attraverso le segnalazioni e gli entusiasmi a suo riguardo di alcuni amici blogger (Nick, Pat, Diego).
Non nego che sono partita con aspettative un po' più alte del solito quando ho iniziato a leggere questo romanzo: e non ho sbagliato.

Mi tolgo subito il fastidio relativo al possibile genere di appartenenza: questo è un libro che può interessare a un pubblico assai variegato perché i diversi elementi portanti sono armonizzati sapientemente senza prevalere gli uni sugli altri. Mistero, suspense, azione e un po' di splatter costituiscono la cornice di una storia intricata e appassionante che si dipana tra il paranormale rappresentato dal Settimino e il concreto di una realtà politica che sentiamo assai nostra. Ho trovato il connubio perfetto, curioso e originale *_*
L'aver ambientato la vicenda narrata tra le nebbie padane - con una Asti a tratti poetica nelle descrizioni - ha conferito una patina speciale a questo libro. Probabilmente per ciò piacerà anche a chi normalmente non si avvicina al genere giallo inteso in senso assolutamente lato: la prosa è molto avvolgente e curata, oserei perfino aggiungere "da lettori di razza" (nonostante io debba segnalare il ricorrere di una parola desueta troppe volte: questo è il solo disturbo avuto in lettura... e io son assai attenta alle parole XD).

Vi sono elementi dialettali che potrebbero spiazzare il lettore, ma con un piccolo sforzo il contesto ne chiarifica il senso (però, autori, pensate in grande e mettete note esplicative!): ovviamente sono utili per la stessa caratterizzazione e credibilità dei personaggi (si parla anche il dialetto romanesco eh!).
Foto di Giulio Morra - La Stampa
C'è poi la questione dell'agente speciale del DIP (Dipartimento Indagini Paranormali) Stefano Drago... ecco, io di solito non ho un personaggio preferito, non riesco a immedesimarmi, ma questa volta posso soltanto dire: ma quanto è figo 'sto Drago! :O
Mi ricompongo e prometto di recuperare le prime due indagini del nostro, edite da Frilli.
Drago è un personaggio che fin da subito colpisce per scrupolosità, correttezza ed empatia, del resto per mestiere ha a che fare col sovrannaturale. Il caso del Settimino, Davide Bo, lo coinvolge anche a livello umano e per questo suo aspetto non possiamo che simpatizzare per lui.

Sinossi
Nel folklore piemontese, un bambino nato prematuro al settimo mese viene chiamato setmìn, il Settimino. Secondo tradizione, è dotato di oscuri e terribili poteri sovrannaturali. Davide Bo è un Settimino; e questa è la sua storia.
I misteri di Stato. Le stragi. Gli anni di piombo. La strategia della tensione. I terroristi. La massoneria. I servizi deviati. E' l'Italia; e questa è la sua storia.
E quando la storia del più potente ESP al mondo si sovrappone alla storia di una nazione dalle mezze verità, dove dominano mafie, logge, rigurgiti totalitaristi e poteri occulti di ogni genere, il risultato finale non può che essere catastrofico.
Ecco la nuova avventura di Stefano Drago, agente speciale del Dipartimento Indagini Paranormali; Fabrizio Borgio, raffinato giallista, per la prima volta nella narrativa di genere italiana mescola l'elemento supernatural con una trama poliziesca ad altissima tensione che, come il filo di una ragnatela, si ricongiunge con altre mille Trame segrete...
... quelle del nostro Paese.

«Questo paese è una nazione mancata,» sentenziò Rocca. «Vanni l’aveva capito da diverso tempo; da quando era entrato in politica e aveva incrociato i suoi studi di scienze politiche con la storia e Jung.»
«Lo pensa anche lei?»
«Sì.» Rocca lo squadrò. «Le ha mai detto nessuno che ha una somiglianza straordinaria con Majakovskij?»
Scosse il capo, disorientato da quell’affermazione.
«Non ci avevo mai pensato...»
«Majakovskij era un poeta che mio fratello amava molto. A suo parere, con la poesia, Majakovskij aveva contribuito a saldare nell’immaginario popolare sovietico la struttura morale della Rivoluzione d’Ottobre.»
Drago cercò mentalmente di evocare qualche verso del maestro di Bagdadi, ma senza risultati.

Quasi ci trovassimo di fronte alla sicura e confortante dicotomia bene/male, l'antagonista diretto del nostro Stefano è Morelli, agente inviato da Roma per indagare su di una situazione sfuggita ormai di mano... Procedendo con la lettura, le posizioni ferme e sicure di Drago (e del lettore stesso) iniziano a vacillare, finché non sarà giocoforza rivedere un intero sistema di valori.
Perché la realtà che conosciamo è sempre una sola parte, una sorta di sottobosco di un mondo "grigio" molto più complesso, nel quale, in base a finalità ed equilibri "superiori", i criteri morali saltano e le priorità si riformulano.
Un grande finale *__*

Biografia
Fabrizio Borgio nasce prematuramente nella città di Asti il 18 giugno 1968.
Figlio di anni inquieti, passa un’infanzia chiusa e taciturna sviluppando la propria fantasia e creatività aiutato da libri, fumetti e televisione. Successivamente scopre il web,innamorandosi delle sue potenzialità. Appassionato di cinema e letteratura, affina le sue passioni nell'adolescenza iniziando a scrivere racconti. Frequenta mediocremente un Istituto tecnico, insegue una certa vocazione per le armi, trascorrendo anni nell'Esercito. Congedato, comincia a guadagnarsi da vivere passando da un mestiere all'altro senza mai perdere di vista il suo divorante amore per la letteratura: operaio, tecnico, falegname, cantiniere, giardiniere, meccanico di scena, impiegato. Si muove irrequieto nel mondo del lavoro e scrive, segue stages di sceneggiatura con personalità del nostro cinema, tra cui Mario Monicelli, Giorgio Arlorio e Suso Cecchi d’Amico. Collabora occasionalmente con il regista astigiano Beppe Varlotta.

La fantascienza, l’horror, il mistero e il fantastico tout court, oltre al giallo e il noir, sono i generi che maggiormente lo coinvolgono e interessano. Non si lega morbosamente a dogmi o sicurezze. Una costante, perenne incertezza contraddistingue il suo sguardo sul mondo.
Riceve un premio della giuria partecipando con un racconto breve al concorso letterario “Il nocciolino” di Chivasso. Ha pubblicato Arcane le Colline nel 2006 e La Voce di Pietra nel 2007. Nel 2011 incomincia a scrivere per i tipi della Frilli Editori pubblicando "Masche". Nello stesso anno il libro si classifica terzo a Lomellina in giallo. Seguono "La morte mormora" e "Vino Rosso sangue", primo libro dedicato all'investigatore privato delle Langhe Giorgio Martinengo è l’ultimo pubblicato.
Dal 2016 le avventure di Stefano Drago, agente speciale del Dipartimento Indagini Paranormali, iniziate con "Masche" e "La morte mormora", proseguono la corsa con "Il Settimino" (Acheron Books).

Sulla CE Acheron Books potete trovare alcune info QUI.

Giudizio finale: ottimo acquisto
la nostra Libreria (Glò)

26 commenti:

  1. Leggendo la biografia dell'autore ho detto :"wow, che bel percorso di crescita". Quando certe passioni te le porti dentro da sempre!
    Complimenti per questa serie dedicata alle avventure dell'agente speciale Drago. Chissà che un giorno non arrivino a essere sceneggiate. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina! Davvero un percorso interessante quello dell'autore, che ha colpito anche me.
      L'idea di una futura serie con il Drago è meravigliosa *_* Chissà, intanto noi tifiamo/leggiamo Borgio!
      Grazie e buona serata ^_^

      Elimina
  2. Come sempre: ottima recensione :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ivano, ne sono sempre contenta ^_^ Spero di riuscire a trasmettere l'entusiasmo e la grande soddisfazione conseguenti a certe letture, tra le quali Il Settimino *_*

      Elimina
  3. Glò, se ti piace Stefano Drago leggi Masche e La morte mormora 😊
    Diciamo pure che Fabrizio sa scrivere. Sentendolo parlare alla presentazione del suo libro, deve possedere una cultura notevole ed una curiosità altrettanto forte.
    Certo. Gli avvenimenti paranormali possono sembrare splatter a volte. Chi come noi però è piemontese ne ha sempre sentito narrare dai nonni. Fabrizio li ha forse forzati un po' ma di vicende truculente la nostra tradizione è piena.
    Saremo sanguinari?????
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piemontese, sanguinario e cortese! :-)

      Elimina
    2. ahahahahahahahahahh dici bene! :)

      Elimina
    3. Cara Pat, Borgio scrive davvero bene, ha stile e sa usare le parole. Questa è la prima cosa da sottolineare.
      A me personalmente un po' di splatter (anche tanto ahahahah!) piace, anche quello gratuito a momenti XD E non son piemontese! :D
      Nel contesto della storia di Davide Bo, c'è... il giusto ;)
      Evviva i sanguinari XD
      Ciao e buona serata! ^_^

      @Diego: un bellissimo motto! Ma sanguinario veramente??? :D

      Elimina
    4. Glò, Diego lo ha variato un po' 😊 il vero motto è piemontese falso e cortese. Della serie... non ti fidar di loro
      Ma ti garantisco che noi due diamo buoni! 😅

      Elimina
    5. Preferisco la versione rimaneggiata!!!
      So che siete buoni ^^ Io invece sono lUgure, con la U ^_^ A sottolineare l'entusiasmo che regna nella mia regione XD

      Elimina
  4. Non sono un gran cultore del fantastico moderno, tantomeno del giallo... ma questo signor Borgio deve rigraziare te e Diego (Silverfish), perché dopo aver letto le vostre recensioni ho immediatamente comprato l'ebook :)
    Un abbraccio e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Orlando, togli tutte le categorie e immergiti nella storia: ti sorprenderà *_*
      Sai che io leggo di tutto, questo è un LIBRO bello, appassionante, ben scritto. Poi mi dirai se ha senso inscatolarlo per forza in generi vari, per me no :D Perché, spesso, da mera operazione che dovrebbe favorire la fruizione, si ottiene l'allontanamento di altre categorie di lettori (i quali a loro volta dovrebbero essere più curiosi e meno legati a... e lo so, non si finisce più XD).
      Buona lettura e sono contentissima ^_^
      Abbraccio e grazie mille!

      Elimina
  5. Se ricordi, io tanto tempo fa avevo parlato di folklore piemontese, di masche e settimini. Nella biblioteca della mia città c'è tutta una sezione dedicata al Piemonte, dove fanno bella mostra numerosi libri sulle masche. Proverò a segnalare l'acquisto anche di questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marco, ti riferisci alla serie OdO? So di aver letto a proposito delle masche, ti confesso che non ricordo del settimino :O
      E, visto l'interesse, ti ricordo il primo volume di Borgio sull'agente Drago, appunto Masche. Tra le colline di Langa e il Monferrato.
      A presto e grazie! ^^

      Elimina
  6. Ah, ecco a cosa ti riferivi riguardo alla simultaneità. :-)
    Bella recensione, complimenti come sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un caso simpatico, Luz :D Anche io e Diego abbiamo pubblicato, in accordo, alla stessa ora! Tu e Cristina avete la variante del guest reciproco, bellissima idea (per chi passasse: cercate la serie sui Nativi americani, basta cliccare sul nick di Luz e arrivate al suo blog ^^)
      E grazie mille ^_^

      Elimina
  7. Arrivo un po' tardi ma almeno un semplice ma sentito Grazie lo devo lasciare. E' grazie ai vostri riscontri se uno scrittore che vuole essere tale trova carburante per proseguire il lavoro e il miglioramento. Spero a presto, con le prossime uscite

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fabrizio, grazie a te per essere passato ^^
      Ho già detto abbastanza nel post e in altra sede, Drago è un gran bel personaggio (avrai letto sopra che un'amica di blog suggeriva una futura sceneggiatura, che a mio parere si presterebbe da quel che ho letto ;) ), tu scrivi bene (!!!) e le atmosfere sono spettacolari *_*
      Sono molto contenta delle tue parole e sicuramente alle prossime uscite (fine anno circa, vero?): intanto provvederò ad un recupero di ciò che già hai pubblicato ^_^

      Elimina
  8. Ho capito bisogna proprio che prenda il libro e lo legga. Così aggiungiamo anche la mia recensione ahahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mariella, sììììì! XD Penso ti possa piacere questo Settimino, perché come ho scritto è adattissimo a un pubblico non specifico di lettori. Veramente ben strutturato, a me è piaciuta moltissimo anche la parte "sui poteri distorti"... ma non si può dire molto in proposito ;)
      Grazie e a presto ^_^

      Elimina
  9. Perfetta, as usual.
    Leggerti è sempre un piacere.
    Non mi stancherò di ripetere, fino alla nausea, che il web non è solo trolls, haters, clickbait, polemiche a muzzo, marchette, Ka$ta & KriKKa. Il web è anche collaborazione e condivisione delle proprie passioni e delle proprie idee.
    Qui non stiamo a suonarcela e cantarcela: abbiamo trovato un romanzo che oggettivamente attira pochissime critiche negative perché è un prodotto valido. Punto.
    Chissà, forse un giorno la nostra attenzione sarà catalizzata da qualcosa che ci porrà su piani divergenti.
    Sarebbe mooolto interessante.
    Ancora complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Diego, grazie mille, troppo gentile veramente ^^
      Sono contenta di questo piccolo esperimento incrociato, a me pare che le nostre riflessioni si completino in qualche modo e per vari aspetti. Questa lettura ci è piaciuta molto, come scritto da entrambi *_* tu da lettore che già conosce il personaggio, io da niubba :D Ma mi rifarò presto!
      Alla prossima, perché no? ;)

      Elimina
  10. Fantastico. Ovviamente ho già sentito parlare di questo libro, ancora più ovvi sono i complimenti per la bella recensione. Piccola nota personale, ho trovato alcune similitudini tra il percorso di vita dell'autore e il mio, questo mi rende Borgio ancora più stimolante e mi invoglia a conoscerlo meglio come scrittore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Max! Il Settimino impazza, sì XD Mi permetterei un "recupera tutto", ovvero parti dalle prime due avventure di Drago (io lo farò a breve *_*), perché sono certa che apprezzerai e tanto.
      Borgio è un bravo scrittore e merita un grandioso passaparola!

      Elimina
    2. Credo anche io che meriti, troppo persone che stimo ne parlano più che bene. Un bacione Glò.

      Elimina
    3. Attendiamo anche il tuo futuro parere ^_^
      Un abbraccio ^^

      Elimina