domenica 11 giugno 2017

Segnalazione: "La guerra dei lupi" di Alessio Del Debbio


Titolo: La guerra dei lupi (saga Ulfhednar War)
Autore: Alessio Del Debbio
Editore: Edizioni Il Ciliegio
Pubblicazione: 2017
Pagine: 412
Cartaceo: € 19,50 (Amazon, Ibs e altri e-shop)

«A nessun uomo dovrebbe essere concesso di vivere così a lungo, di non provare la malattia né la vecchiaia, di pretendere di essere un Dio. È la brevità, assieme all'impossibilità di averne una seconda, ciò che rende la vita un bene prezioso, degna di essere vissuta in ogni attimo. Se invece la morte diventa uno spauracchio per bambini e l’esistenza infinita, allora non è più vita. È banalità. È immeritata sopravvivenza. È trascinarsi di giorno in giorno senza sapere perché». (Johanna)


Sinossi
Amici da anni, Ascanio, Daniel, Marina e la loro compagnia di Viareggio non desiderano altro che trascorrere una tranquilla vacanza insieme, ma il destino ha altro in serbo per tutti loro. Gli ulfhednar di Odino sono tornati e la Garfagnana non è più un posto sicuro da quando Raul ha preso il comando del branco del Vello d'Argento. Spetta ad Ascanio, ultimo discendente di una stirpe di officianti della Madre Terra, contrastare i suoi progetti di dominio, aiutato dal suo compagno Daniel, un ulfhedinn fuggiasco che ha imparato ad apprezzare la vita tra gli uomini. Ma dietro le mire espansionistiche del violento e indegno Alfa si nasconde un'ombra antica, disposta a tutto pur di aggrapparsi alla vita.

«Per questo continuiamo a provare. Per rendere onore a chi è caduto, per vincere le nostre paure e promettere a noi stessi di non fallire più.»

Ambientato in Toscana, tra Viareggio e le montagne della Garfagnana, il libro mescola mitologia nordica e celtica a storia e leggende toscane, alternando, con ritmo incalzante e colpi di scena, capitoli nel presente e altri nel passato.

Alessio Del Debbio, scrittore viareggino, appassionato di tutto ciò che è fantastico e oltre la realtà. Numerosi suoi racconti sono usciti in riviste (come Con.tempo e StreetBook Magazine) e in antologie, cartacee e digitali (come I mondi del fantasy di Limana Umanìta Edizioni, Racconti Toscani di Historica Edizioni, Sognando di Panesi Edizioni). I suoi ultimi libri sono Favola di una falena (Panesi Edizioni, 2016), Ulfhednar War – La guerra dei lupi (Edizioni Il Ciliegio, 2017). 
Cura il blog I mondi fantastici che promuove scrittori di fantasy italiano. Scrive articoli per il portale di letteratura fantastica Le lande incantate. È presidente dell’associazione culturale Nati per scrivere che d'estate organizza la rassegna “Un libro al tramonto” – Aperitivi letterari a Viareggio, per far conoscere autori toscani.

Contatti autore

la nostra Libreria

23 commenti:

  1. Sembra un autore interessante. Non è esattamente il mio genere ma da quel che leggo ci sono degli spunti che potrebbero intrigarmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Max!

      La componente "urban" penso sia il punto forte dell'autore, tra l'altro già segnalato al link che ti spammo subito qui di seguito:

      http://lanostralibreria.blogspot.it/2016/06/segnalazione-l-ora-del-diavolo-di-Alessio-Del-Debbio.html

      Io ho tutto in wishlist, penso sia il caso di approfittarne :P

      Elimina
    2. Ciao Paolo.
      Si, interessante è interessante. Per ora passo, la motivazione è biecamente economica. In futuro magari, oppure se esce presto in ebook.

      Elimina
    3. E ti capisco benissimo, comunque ti consiglio di tenere d'occhio anche la sua pagina FB per essere informato sulle news e offerte (tanto per dirne una clickete).

      E poi l'acquisto per un autore dovrebbe essere come il Natale: quando arriva, arriva :D

      Elimina
    4. Sì, ho visto la pagina. Molto professionale.

      Elimina
    5. Mica pizza e fichi XD

      A parte gli scherzi, è la dimostrazione che l'impegno porta sempre a risultati degni di essere segnalati ;)

      Elimina
  2. Trama interessante. Chissà perché la terra di Toscana ci porta, noi toscani, a infarcire i nostri paraggi di storie e personaggi tratti dai miti nordici ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ispira parecchio la sinossi *_* Per come (e non moltissimo) conosco io i toscani, non me ne stupisco, sai? :D Mi pare che ci sia un forte legame col territorio, a livello di tradizioni, cultura, storia, ecc. che forniscono una base forte da rimaneggiare. E poi i luoghi della Garfagnana si prestano moltissimo *_*
      Tu mi dirai: ma anche altri luoghi, come ad esempio Firenze e certa campagna... e sì :D

      Elimina
    2. Ciao Ivano!

      Come dicevo a Max poco sopra, ritengo che il tratto "urban" sia davvero un valore aggiunto, specialmente in un ambito dove si confonde spesso l'ambientazione con l'atmosfera, quantomeno a quanto mi è parso di percepire leggendo anche solo le sinossi di vari romanzi del genere.

      La bravura di alcuni autori sta proprio nel caratterizzare le proprie opere con riferimenti "reali", frutto di ricerche e contatti con il proprio territorio: se viene fatto con oculatezza, il lettore "vicino di casa" potrà solo apprezzare :D

      E poi i miti, nordici e non, intrigano sempre ;)

      Elimina
  3. Grazie mille per la segnalazione! :-) I miei lupi apprezzano, eh eh!
    La componente "urban" in realtà in "La guerra dei lupi" non è elevata, dato che è prevalentemente ambientato nei boschi della Garfagnana e dell'Appennino, quindi forse è un "mountain fantasy" ah ah! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessio e grazie per essere passato :D

      Ed evviva la commistione dei generi non convenzionali :P

      Elimina
  4. Passo per un saluto ai padroni di casa e all'autore. Non leggo questo genere, ma a chi lo scrive e sa farlo bene invidio la cavalcante fantasia. 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un salutone anche a te, Marina ^_^

      La fantasia aiuta sempre, è un po' come quel poco di zucchero per far andare giù la pillola :D

      Elimina
  5. Fa sempre piacere imbattersi in autori che sanno ben scrivere e che arrivano a scrivere un romanzo epico. Le citazioni sono assai interessanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luz :D

      Concordo con te, molto stimolante e incuriosente :P

      Elimina
  6. Risposte
    1. Ciao Cavaliere!

      Già, degno di segnalazione :P

      Elimina
  7. Io sono sempre molto scettica su fantasy e simili, però devo dire che sembra originale almeno questo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna, ben ritrovata!

      Sono contento, e lo sarà anche Alessio credo :D

      Riguardo al fantasy: è proprio il genere che non ti ispira o c'è dell'altro?

      Elimina
    2. Il fantasy è un genere che mi piace molto, ma purtroppo negli ultimi anni mi è sembrato eccessivamente... abusato forse direi. Troppi autori si lanciano secondo me, nella scrittura di libri di questo genere e ormai molti propongono sempre le stesse storie trite e ritrite. Tutto qua :)

      Elimina
    3. Concordo (mestamente) con te. Dopo i grandi scrittori fantasy, chi si cimenta nel genere parte un minimo svantaggiato se non ha anche solo la più piccola intuizione di novità. Facendo un paragone con la musica, in fondo le note sono 7, saperle suonare con originalità non è da tutti, ma qualcuno ci riesce ;)

      Elimina
  8. Ho notato che la citazione all'inizio richiama il concetto dell'immortalità, o comunque di una vita dove la paura della morte è scomparsa e quindi anche il valore della vita, in un certo senso. Non so se sbaglio... :-)
    I lupi, poi, sono sempre un richiamo irresistibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina!

      Ho avuto la stessa sensazione, al limite sbagliamo in 2 :P

      La figura del lupo ha sempre il suo fascino, a me ha sempre ispirato una certa "saggezza" mista al puro istinto.

      Elimina