domenica 30 luglio 2017

Insieme raccontiamo - Luglio 2017


Nonostante afa e dispersione blogosferica per lecite e agognate vacanze, la stoica Pat ha preparato un nuovo incipit (QUI i dettagli), e io ho messo a dura prova i miei due neuroni. Ecco quel che ne è scaturito...

L'incipit proposto
Aprì la busta e ne estrasse un foglio ingiallito dal tempo. Piccole macchie di inchiostro lo segnavano. Forse era scritta con la penna d'oca. La grafia era decisamente d'altra epoca piena di svolazzi. Bei tempi quelli in cui ci si inviava missive!
Inforcò gli occhiali, lo aprì, sedette e lesse.

Pixabay
Il mio finale
"Cara Tilda, se mai riceverai questa lettera, voglio gridarti attraverso queste mie ultime parole l'amore che ho per te e per i nostri figli, Dave e Sandy: vi abbraccio e bacio.
Non ho più forze, qualcosa non deve esser andato per il verso giusto e ora sono consapevole che non c'è più alcuna speranza di fare ritorno.
Il viaggio di affari, cui avevo accennato qualche settimana fa, è l'ennesima bugia che ti ho dovuto raccontare durante tutti i nostri anni di vita insieme. La verità, sempre che per qualche inspiegabile ragione tu possa leggere queste mie righe nel futuro, è che mi occupo da sempre di esperimenti al limite dell'umana comprensione: lavoro per una società che da secoli raccoglie dati, informazioni e studi sulla possibilità di viaggiare nel tempo e che negli ultimi anni..."

Matilda staccò gli occhi dal foglio e sorrise: Tilda! Nessuno mi chiama più così da decenni!

"...non riesco più a contattare il laboratorio, è esclusa qualsiasi comunicazione, sto per morire, o questa è la sensazione che più razionalmente corrisponde al mio stato attuale. Sono tornato nella tua casa di famiglia, ho visto la tua ava Matilda! Era nel giardino con i fratelli, stavano giocando con gli amati gatti, non riesco a descrivere la gioia e la disperazione provate...

Ho pensato, ho azzardato un'idea: so che ami il secrétaire appartenuto alla tua bisnonna, sono entrato furtivamente questa notte nella tua casa, nella nostra casa... (l'abitudine di lasciare la chiave sotto lo stesso sasso...), ho rubato carta e calamaio, ho scritto questo mio addio, cercando di riprodurre una calligrafia consona all'epoca in cui mi trovo, e l'ho nascosto tra le carte del cassetto grande.

Con infinito amore, perdonami e bacia i ragazzi
John"

Matilda aggrottò un sopracciglio, pensò che Dave e Sandy le avessero tirato un brutto scherzo. Ah, che nipoti vivaci e arguti aveva! Pochi giorni prima le avevano chiesto dettagli sulla storia della scrittura, per i ragazzi nati nell'era digitale sentire parlare di penne d'oca e inchiostri era come fare un viaggio indietro nel tempo...
Una lettera ben scritta per due ragazzini, ma l'incongruenza del supporto e della penna utilizzata con lo stile assolutamente moderno li aveva fregati, pensò la donna.
Matilda viveva con la sorella e suo marito, i due nipoti e una ciurmaglia di animali vagabondi collocati nel giardino della vecchia casa di famiglia. Lì Matilda e Eliza erano cresciute, parte del mobilio era appartenuto agli avi e la scrivania, davanti alla quale sedeva ora la donna, era appartenuta ad una Matilda del passato. Si era sentita da sempre legata a quell'oggetto, lei che non si curava troppo delle cose materiali. Che cosa strana.

Alzatasi dalla comoda sedia antica, decise che era il caso di fare un discorsetto ai nipoti, "non è cosa carina farvi beffe della vostra amata zia zitella" e cose simili. Benedetti ragazzi! E sorrise. In quello stesso istante si accorse che stringeva l'anulare della mano sinistra, come se, tastando, cercasse qualcosa che mancava... eppure Matilda non indossava mai anelli o altri gioielli.


Glò

22 commenti:

  1. Sono per un attimo risorta dal mio esilio per leggere il tuo bel finale. Brava Glò! Buone vacanze ;)
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina, un doppio grazie per aver letto e apprezzato nonostante il tuo "esilio" e il gran caldo!!! <3

      Buone vacanze anche a te, un abbraccio ^_^

      Elimina
  2. Epperò! La zia zitella che sente che le manca qualcosa all'anulare.... ma sarà davvero uni scherzo dei nipoti? Oppure questa Matilda è di un'epoca ancora diversa drlla destinataria della lettera?
    Bel finale Glò! Grazie!
    Ps e scusa se ti ho fatto lavorareconquesto caldo 😆😆😆😆

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Pat, il tuo incipit inizialmente mi aveva preoccupata :O Poi ho avuto illuminazione e idea! :D

      Nella mia intenzione, il viaggio nel passato senza ritorno del marito della Matilda che legge la lettera, ha prodotto un cambiamento nel futuro: ecco quindi che Tilda era (e non è più) la donna amata dal povero John, che nel passato ci ha lasciato le penne :P

      Grazie mille per i tuoi input, invece: questi giochi sono ottimi esercizi per mantenere i neuroni allegramente svegli! :D

      Un abbraccio e buona serata (ovviamente attendo il mega riassuntone per leggere le prove di tutti i partecipanti!) ^_^

      Elimina
    2. Al cambiamento del futuro non avevo pensato. Potrebbe benissimo essere. In fondo quando si toccano certe cose non si sa cosa può capitare 😊

      Io non hoancora scritto il mio! Sob sob non ho idee...

      Elimina
    3. Ti capisco, però spesso le idee arrivano all'improvviso, almeno a me succede! Per questo finale, la storia è nata "da sola": l'idea del viaggio nel tempo è stata la partenza, per qualche giorno ci ho ragionato su... e ieri mi son messa a scrivere :O

      Elimina
  3. Il paradosso dei viaggi spazio-tempo sfruttato con molta creatività.
    Complimenti :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stra-grazie Ariano *_* Mi fai un grandissimo complimento!
      Mi frullava in testa l'idea da qualche giorno... ho provato a mettere insieme il tutto, sperando in una certa coerenza :P sai che non sono scribacchina!

      Buona serata e grazie ancora!!! :D

      Elimina
  4. Ma che fantasiona, Glò. 😋
    Da trarne una sceneggiatura per un film.
    I tuoi due neuroni ti lavorano ottimamente. Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina!!! :3
      I due poracci ce la mettono tutta, pena l'espulsione a vita XD (ma potrebbero anche esserne assai contenti, eh!)

      O forse il merito è del gran caldo stordente? :O

      Buona serata, grazie mille! ^_^

      Elimina
  5. Che bel finale, Glò: complimenti! *_*
    Alla faccia del caldo stordente ;-) :D
    Buona giornata! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Clementina, grazie di cuore! ^_^ Felicissima che tu abbia apprezzato *_*

      La mia teoria è che il caldo agisca quale impulso vitale ai due neuroni XD
      Un buon riposo a te :D

      Elimina
  6. Notevole davvero! Ti confermi un'ottima affabulatrice, Glò, del tutto a suo agio con le parole e i meccanismi narrativi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ivano!!! *__* Grazie mille, io sono sempre un po' imbarazzata quando ricevo parole così belle, ne sono contentissima!

      Buonanotte!!! :D (ora corro a leggermi la nuova puntata della tua blog novel *_*)

      Elimina
  7. Dire ORIGINALE è dir poco.
    Un vero saggio di fantascieza.
    Un abbraccio.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristiana sono davvero felice che ti sia piaciuto questo mio finale "sci-fi": ho provato a maneggiare al meglio l'idea iniziale di Pat, il raccontino è nato praticamente da sé assecondando un'ispirazione ^^

      Ti ringrazio di cuore e ricambio l'abbraccio! :D

      Elimina
  8. Mi piace... come potrebbe essere altrimenti? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Luz, grazie mille *_* A dire il vero io sono sempre felicemente stupita degli apprezzamenti, che non mi aspetto mai! Mi hai/avete regalato tanti sorrisi, grazie ^_^

      Elimina
  9. Pat è davvero infaticabile, ma nemmeno tu scherzi, cara Glò. Il tuo completamento dell'incipit è molto raffinato, e mi è venuto in mente anche il concetto del multiverso o dimensioni parallele... Ho appena lasciato un commento sul blog di Ivano, constato che entrambi avete giocato sul concetto del Tempo. Bravi entrambi! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina! Quante belle parole mi riservi! *_* L'ispirazione è stata fondamentale, probabilmente il fatto che da giovane amassi la sci- fi e gli anime costituisce una componente "forte", della quale non mi rendo neppure conto, tranne quando appunto mi metto alla prova ;)
      E quello del tempo è un concetto che mi affascina da sempre *_*

      Non sono ancora riuscita a leggere con attenzione le varie prove degli amici, ho soltanto curiosato in giro: fa veramente troppo caldo, riesco a ragionare appena verso quest'ora XD

      Grazie mille, contentissima! ^_^

      Elimina
  10. Ciao Glò, se sopravvivi a questo caldo, ci sarebbe una sorpresa sul mio blog per te .... Indovina? Ma una nomination :D
    Se hai voglia di partecipare ^-^
    A presto!
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marina che sorpresa!!! Ne sono molto contenta, ho visto di che si tratta e penso di riuscire a spremere i due soliti neuroni e ricavarne qualcosa di "sensato" XD
      Devi scusare la lentezza con cui rispondo e passo, ma in questi giorni è davvero dura per il caldo eccessivo XD

      Grazieeeee! *__*

      Elimina